fbpx

Tutta Reggio Calabria va ancora a fuoco: dopo Ciccarello e San Gregorio anche Bovetto e zona Sorgente. Adesso basta! [FOTO e VIDEO]

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
/

Reggio Calabria brucia ancora: a fuoco i rifiuti di Bovetto e della Sorgente: così non è più possibile!

La situazione adesso va oltre l’insostenibile. Lo schifo più assoluto, la vergogna oltre il peggior pessimismo possibile. Reggio Calabria va ancora a fuoco, nello stesso momento e in due differenti punti della zona Sud, dopo il rogo di San Gregorio di questa mattina e quello di Ciccarello di domenica. Ancora rifiuti bruciati, ancora aria irrespirabile, ancora plastica andata a fuoco e danno ambientale incalcolabile, se di mezzo ci mettiamo anche le elevatissime temperature di questi giorni.

In questi minuti ha preso fuoco anche l’enorme montagna di immondizia posta a Bovetto e nella zona Sorgente. Nel primo caso la zona è la solita: la lunga salita che da Bovetto porta al centro sportivo “Francesco Cozza”. Nel secondo caso si tratta della strada che dal Sant’Agata porta al sottopassaggio precedente alla spiaggia Sorgente, con l’enorme nube di fumo che si innalza e rischia anche di oscurare la visuale ai piloti degli aerei in caso di atterraggio all’aeroporto. Nella gallery a corredo dell’articolo, tutte le tristi immagini. In basso anche un video.

In due giorni, a fuoco quattro punti differenti della città, che osserva imperterrita e rassegnata. Il tempo delle accuse, dello scaricabarile, delle promesse, degli annunci, è finito. E’ finito tutto. Occorre agire in silenzio e farlo subito, immediatamente! E’ inaccettabile per ogni cittadino civile – di una città civile – una situazione di questo genere, a prescindere di chi sia la colpa, fattore che tra l’altro in questo preciso momento passa in ultimissimo piano. A Reggio Calabria la gente è stanca e non sa più a che santo votarsi. Si faccia qualcosa. Adesso basta!

Reggio Calabria, le immagini del rogo di rifiuti alla Sorgente [VIDEO]

Reggio Calabria brucia, ma abbiamo la discarica più efficiente del mondo