fbpx

Ribelle e fuori dagli schemi: Martina Maccari, la moglie di Bonucci tra famiglia e nuovi progetti [FOTO]

  • Foto di Flavio Lo Scalzo / Ansa
    Foto di Flavio Lo Scalzo / Ansa
/

 

Martina Maccari, una Wags fuori dagli schemi: un carattere forte e ribelle, ecco chi è la moglie di Leonardo Bonucci

Così come ci sono calciatori ‘veterani’ e più esperti e calciatori alle prime esperienze in Nazionale e un po’ più acerbi, così ci sono Wags più mature e altre invece che ancora non hanno conosciuto il mondo del pallone e tutto ciò che lo circonda. Tra le più esperte, sicuramente, c’è Martina Maccari, moglie di Leonardi Bonucci: ribelle e forte di natura, ma capace di sapersi mettere un freno per l’amore del suo uomo e nel rispetto della sua professione .

Chi è Martina Maccari

martina maccari moglie di bonucciNata il 19 novembre del 1985 Martina è sempre stata una decisa e forte, ribelle ed in conflitto con se stessa e col mondo. Originaria di Bari, Martina ha un passato da modella: a 16 anni, infatti, calcava le passerelle ma ben presto si è accorta che quel mondo le andava stretto, che non faceva per lei. Successivamente è diventata una social influencer, oltre che moglie e mamma di tre splendidi bambini, e ha anche aperto un suo blog personale, Lo Zoo di Zoev, nel quale si raccontava senza filtri ma con estrema ironia. Nel suo blog, infatti, raccontava di come avrebbe preferito essere qualche centimetra più bassa e di aver sposato Bonucci perchè il primo uomo più alto di lei incontrato nella sua vita.

Martina sembra aver trovato adesso al sua vera strada. La moglie di Leonardo Bonucci, infatti, ha lanciato un nuovo ed interessantissimo progetto, “nettare”, col quale vuole raccontare storie, uniche e speciali, e arrivare a tutti, tramite i social.

nèttare è un progetto editoriale che diventa un racconto collettivo del quale fare parte. Oggi raccontarsi è una grande opportunità e nèttare nasce per questo. Qui troverai le parole, le voci e i volti di chi cerca nell’altro, l’eco delle sue emozioni“, si legge sul sito del progetto, che invita le persone a raccontare le proprie storie. Martina Maccari, come confessato da lei stessa in una bellissima ed intima chiacchierata col marito che fa parte proprio di questo nuovo progetto, non ambisce alla popolarità, che comunque già ha con 218 mila follower su Instagram, ma vuole lasciare il segno ed è adesso finalmente arrivato il momento per lei di lavorare per raggiungere i suoi sogni.

Una Wags, insomma, fuori dagli schemi. Seppur sia difficile vedere Wags belle che non ballano, pronte solo a mettersi in mostra per il loro fisico statuario e sensuale, Martina ha di certo una marcia in più e punta a colpire tutti prima con la testa che col corpo che, infatti, non mette mai in mostra in maniera avvenente e sexy come tante altre colleghe.

La storia con Leonardo Bonucci

martina maccari moglie di bonucciMartina e Leonardo si sono conosciuti nel 2008 telefonicamente, ma lei non era del tutto convinta, non pensava che Bonucci fosse il suo tipo ideale, ma ben presto è scoccata la scintilla e i due sono andati a convivere assieme per sposarsi dopo 3 anni di convivenza, nel 2011, con una cerimonia intima a Siena. L’anno successivo al matrimonio Martina e Leonardo sono diventati genitori per la prima volta: nel 2012 è infatti nato Lorenzo. Negli anni la famiglia ha continuato ad allargarsi: nel 2014 è infatti arrivato Matteo e nel 2019 la piccola Matilda. “Non mi sembrava proprio il mio tipo. Poi invece, ai tempi del Bari abbiamo cominciato a convivere. Un anno di litigate, poi la Juve, il matrimonio, Lorenzo“, ha raccontato diverse volte Martina nelle sue interviste. “All’inizio ci sentivamo più che vederci perché io non c’ero, ero sempre in giro. Quando ci siamo visti, non ci siamo piaciuti. Poi sono andato in vacanza con i miei amici e continuavo a pensare a lei perciò ho detto ‘Proviamoci’“, ha raccontato invece Bonucci.

Un amore forte e indistruttibile, quello tra Martina e Leonardo, che hanno vissuto un momento davvero buio: quando Matteo aveva solo due anni è stato ricoverato d’urgenza per una patologia acuta ed è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. A seguito dell’operazione, però non è andato tutto come desiderato ed il piccolo Matteo è rimasto altri 25 giorni in ospedale. La famiglia non ha mai rivelato la diagnosi, ma in quel periodo si è tanto parlato di tumore o di leucemia. La cosa più importante, adesso, è che per fortuna si tratta solo di un vecchio ricordo: Matteo, infatti, adesso sta bene.