fbpx

Turchia-Italia 0-3, le pagelle di StrettoWeb: loro Ottomani, noi sull’Ottovolante. Berardi ringrazia Demiral: tutti top

  • Foto di Alessandra Tarantino / Ansa
    Foto di Alessandra Tarantino / Ansa
  • Foto di Alberto Lingria / Ansa
    Foto di Alberto Lingria / Ansa
  • Foto di Alberto Lingria / Ansa
    Foto di Alberto Lingria / Ansa
  • Foto di Alberto Lingria / Ansa
    Foto di Alberto Lingria / Ansa
  • Foto di Andrew Medichini / Ansa
    Foto di Andrew Medichini / Ansa
/

Esordio da sogno per l’Italia alla prima agli Europei: 0-3 facile alla Turchia davanti ad un Olimpico vestito – finalmente – a festa

E’ un’Italia bellissima, è un esordio bellissimo. Non poteva sognare altra serata la squadra di Mancini, che distrugge la Turchia alla prima di Euro 2021 con uno 0-3 micidiale, maturato nella ripresa dopo un primo tempo di pressione martellante. L’autogol di Demiral e le reti di Immobile e Insigne indirizzano facile il match e la Turchia non ci capisce più niente: loro Ottomani, noi sull’Ottovolante. Ecco le nostre pagelle del match.

Donnarumma 6 – A saperlo prima, avrebbe potuto chiedere i fruttini al suo amico Buffon. Non sappiamo neanche se laverà i guanti a fine partita.

Florenzi 6 – Grande intensità e attenzione, ma rispetto a Spinazzola è molto più “timido”. Non osa e spinge meno: sufficiente.

Bonucci 6.5 – Ordinaria amministrazione: veramente poco lavoro, e questo dice tanto. Una squadra compatta e intensa aiuta tutta la retroguardia.

Chiellini 6.5 – Idem come sopra: guida la difesa da veterano e capitano. Sfiora il gol nel primo tempo, un vizietto che – per fortuna – non si toglie mai.

Spinazzola 7 – Dice di ispirarsi a Zambrotta e questa sera c’è l’ennesima conferma: sembra davvero di rivedere lui su quella fascia. Nel primo tempo è tra i più pericolosi: punta spesso l’uomo. Nella ripresa propizia il 2-0 con un gran tiro da fuori.

Barella 7 – In avvio si nasconde sornione, ma era solo benzina fresca per la ripresa, dove manda in confusione un intero centrocampo: quello avversario ma anche il suo. Giganteggia in mezzo: da lui partono le azioni per i primi due gol.

Jorginho 7 – Cervello e ordine, non sbaglia un pallone. La sua canzone preferita? “Ci vuole calma e sangue freddo…”

Locatelli 6.5 – Comincia piano, sale alla lunga e partecipa allo show della ripresa. Applausi meritati da parte di un pubblico che non vedeva l’ora di vivere queste notti.

Berardi 7.5 – Nel primo tempo è il più attivo davanti, nella ripresa si diverte come un ragazzino qualunque con due Europei e tre Mondiali alle spalle. E’ la sua prima grande vetrina, ma fa quello che vuole. Demiral lo ringrazia e mette dentro, aspettiamo il tweet del turco: Italia top, Berardi top, tutti top.

Immobile 7.5 – Gol, assist, dedica. Una serata bellissima, per lui e per tutti. Esce per far spazio a Belotti ma si mette a pressare in panchina anche Mancini, Oriali e Vialli.

Insigne 7 – Tra i tre è il meno incisivo, seppur tocchi una marea di palloni. Ma gli amici si vedono nel momento del bisogno e Immobile, da buon amico come ai tempi del Pescara, lo manda in porta. Gol e dedica anche lui.

dal 46′ Di Lorenzo 7 – Non ce ne voglia Florenzi, che tra l’altro esce acciaccato, ma il suo ingresso cambia i giochi sulla catena di destra. Orgoglio reggino.

dal 72′ Cristante 6 – Entra in un momento abbastanza tranquillo.

dal 80′ Chiesa sv –

dal 80′ Bernardeschi sv –

dal 84′ Belotti sv –