fbpx

Inter, chi ha parlato di ridimensionamento? Il mercato in entrata: 2 Emerson e il sogno Raspadori

Foto di Serena Campanini / Ansa

L’Inter dovrà mettere a posto i conti, ma chi ha parlato di ridimensionamento? Novità sulle fasce, un fedelissimo di Inzaghi e davanti un tentativo per Raspadori

L’addio di Antonio Conte è conciso con la parola ‘ridimensionamento’ del progetto Inter, ma in realtà il termine non è corretto. Ad essere ridimensionate, o sarebbe meglio dire ‘frenate’, sono state le esose richieste del tecnico salentino che avrebbe voluto una serie di colpi pesanti per confermarsi Campione d’Italia e alzare l’asticella in Champions. Le casse dell’Inter però non lo consentono: servirà raccogliere un indotto di 100 milioni in due anni, magari liberandosi anche di qualche zavorra poco utile al progetto e dal contratto pesante. Conte si è chiamato fuori, Simone Inzaghi ha accettato la sfida pur consapevole che qualche big potrebbe essere sacrificato. Il nome caldo è quello di Hakimi che piace al PSG e potrebbe portare in dote 60-70 milioni, cifra che consentirebbe anche di operare sul mercato con un po’ più di tranquillità. È impensabile infatti che l’Inter metta a rischio un piazzamento fra le prime 4 smobilitando una rosa che non necessità di grandi acquisti, ma solo di qualche puntellamento.

Foto di Giorgio Benvenuti / Ansa

A tal proposito, Simone Inzaghi è stato scelto per dare continuità al 3-5-2 di Conte. Il primo rinforzo potrebbe riguardare la difesa, orfana di Kolarov (più centrale che esterno) che potrebbe essere sostituito da Stefan Radu, fedelissimo di Inzaghi e possibile riserva di Bastoni. Sulle fasce, svincolato Young e dando per probabile la partenza di Hakimi, servono almeno due nomi. Darmian sicuro della conferma, probabile che resti anche Di Marco appena rientrato dall’ottima stagione al Verona. Sugli esterni potrebbe arrivare Emerson, anzi ne potrebbero arrivare due: il primo è Emerson Palmieri, laterale mancino del Chelsea Campione d’Europa e pronto a presidiare l’out mancino della Nazionale agli Europei: il secondo è Emerson Royale, esterno brasiliano di proprietà del Barcellona che ha fatto bene al Betis Siviglia. Il costo totale delle due operazioni non dovrebbe superare i 40 milioni che fra prestiti e pagamenti dilazionati non sarebbero così gravosi sul bilancio della società.

Il centrocampo è il reparto in cui difficilmente arriverà un nome importante. Barella è inamovibile, Brozovic è in scadenza e la sua posizione dovrà essere valutata con Sensi che potrebbe scalare le gerarchie (infortuni permettendo), Vecino e Gagliardini sono due riserve importanti, mentre per Eriksen si prevede un ruolo in stile Luis Alberto. Vidal ha un contratto pesante, si cercherà di smaltirlo. In attacco l’Inter proverà a resistere in tutti i modi alle avance per Lautaro Martinez e Lukaku, mentre lascerà partire Pinamonti. Sanchez dovrebbe essere riconfermato, probabilmente insieme a Salcedo di ritorno dal Verona. Il sogno è quello di arrivare a Giacomo Raspadori, giovane bomber convocato da Mancini per Euro 2021: il Sassuolo lo ha dichiarato incedibile in questa stagione, ma il ragazzo è rappresentato dall’agente Tinti, lo stesso di Inzaghi e Bastoni, che potrebbe favorire una possibile trattativa anche solo per dare ai nerazzurri una sorta di opzione in chiave futura.