fbpx

Caso Denise Pipitone, la lettera firmata da un nuovo testimone: riferimenti a Claudio Corona “donne e bambini non si toccano”

Foto di 'Ore 14'

Spunta una nuova lettera sul caso Denise Pipitone: un testimone tira in ballo Claudio Corona, fratello di Anna Corona

Spesso, analizzando il caso riguardante la scomparsa di Denise Pipitone si è fatto riferimento all’omertà. Un ostacolo che ha reso più difficoltose le indagini. Quando gli inquirenti sembravano poter ricomporre un pezzo del puzzle sulla sparizione della bimba, era come se mancassero sempre una o più tessere decisive, in mano a qualcuno che sapeva bene dove fossero, ma che continuava a osservare in silenzio facendo finta di nulla. È possibile che in un piccolo paese come Mazara del Vallo, all’ora di pranzo, nessuno abbia visto una o più persone rapire una bimba? E soprattutto, nessuno abbia mai sentito qualcosa a riguardo anche in momenti successivi all’episodio? Decisamente no. Qualcuno sa, ma per 17 anni ha taciuto. Nelle ultime settimane però il muro di omertà sulla vicenda sembra lentamente sgretolarsi.

Prima una lettera anonima nella quale l’autore ha dichiarato di aver visto Denise in macchina con 3 persone. Adesso una seconda lettera, scritta da un’altra persona che questa volta si firma. Nel documento, mostrato in esclusiva dalla trasmissione Rai ‘Ore 14’, il testimone in questione si dice pronto a rivelare nuovi dettagli che possano far luce sulla vicenda, tirando in ballo Claudio Corona, fratello di Anna Corona, ex moglie di Piero Pulizzi e mamma di Jessica. “Io voglio la verità su Denise” scrive il nuovo testimone nella lettera al vaglio degli inquirenti della Procura di Marsala. “Non sono un collaboratore di giustizia e mai lo sarò. Ho frequentato molto Mauro Corona ma ripeto non sarò mai un collaboratore di giustizia”, aggiunge lo scrivente. “Ho tante cose da dire per tutelare me e la mia famiglia e forse finalmente scoprire la verità su qualche informazione su Denise. Io voglio la verità su Denise. Donne e bambini non si toccano”, conclude.