fbpx

Caso Denise Pipitone, la testimonianza dell’ex fidanzato di Jessica Pulizzi: “ce l’ammazzasti a chidda?”

Caso Denise Pipitone, la testimonianza dell’ex fidanzato di Jessica Pulizzi: “ce l’ammazzasti a chidda?”. E no, non c’erano galline…

Uno dei punti oscuri nel caso riguardante la scomparsa di Denise Pipitone è quello che concerne la posizione di Jessica Pulizzi. La donna, figlia di Anna Corona e Pietro Pulizzi, è stata la principale sospettata nelle fasi iniziali delle indagini, venendo poi assolta in 3 gradi di giudizio. Eppure la sua posizione, quantomeno a rigor di logica, presenta diversi dubbi. In molti hanno parlato apertamente dell’odio che la ragazza provava verso Piera Maggio, colpevole di aver ‘distrutto’ la sua famiglia a causa della relazione che aveva con il padre della ragazza. Jessica aveva il sentore che Denise Pipitone fosse in realtà figlia di Pietro Pulizzi e meditava sia di mettere il padre davanti alla verità, sia di compiere una sorta di vendetta contro Piera Maggio. La ragazza covava un forte risentimento verso la donna, apostrofata più volte con insulti di ogni genere, minacciata, alla quale sono state anche bucate le gomme della macchina. Colpire Denise, ciò che Piera aveva di più caro, sarebbe stata la vendetta perfetta?

La testimonianza di Fabrizio, l’ex fidanzato di Jessica Pulizzi

‘Chi l’ha visto?’, nel corso dell’ultima puntata, ha provato a ricostruire la posizione di Jessica Pulizzi facendo riferimento ad un particolare episodio. Esiste un’intercettazione nella quale Fabrizio, l’ex fidanzato della ragazza, le chiede apertamente: “ce l’ammazzasti a chidda?“. Una frase all’apparenza inequivocabile, seppur Jessica abbia spiegato che si stava facendo riferimento ad una gallina. Ma andiamo con ordine. Il 14 gennaio del 2006 Fabrizio afferma, davanti ai carabinieri, di aver avuto una relazione con Jessica dal 1999 agli inizi del 2003, ma di non averla frequentata nel 2004. Al ragazzo viene fatta ascoltare un’intercettazione del dicembre 2004 nella quale appare ben chiaro come stesse parlando proprio con l’ex fidanzata: Fabrizio cambia versione e conferma. Secondo il racconto dell’ex, lui e Jessica si sarebbero appartati vicino ad un casolare, scavalcando un recinto nel quale ci sarebbero state queste fantomatiche galline (che nel verbale del 2006 non esistono).

I due a quel punto hanno iniziato a parlare delle sofferenze di Jessica. “Notavo che lei era pronta a compiere atti contro Piera Maggio perché le aveva rovinato la famiglia. La chiamava troia, puttana, zoccola“, spiega Fabrizio ai carabinieri, salvo poi non pronunciare mai il nome della mamma di Denise davanti al giudice. “Così come ho sofferto io adesso soffrono gli altri“, avrebbe dichiarato Jessica. Il ragazzo pronuncia una frase inequivocabile: “ce l’ammazzasti a chidda?“. A chi si stanno riferendo? Fabrizio non lo ricorda. Successivamente Jessica è scoppiata in lacrime, ammettendo che da quando la loro relazione è finita, non ci stava più con la testa. I due quel giorno non hanno avuto alcun rapporto sessuale, Fabrizio spiega: “mi sono spaventato, ce ne siamo andati… parlo di confessione? Già dicendogli che mi parla di questa zoccola che mi sfascia la famiglia…meglio di questo sono confessioni?“.