fbpx

Tragedia di Mottarone: a Diamante i funerali della ricercatrice Serena Cosentino

feretro di Serena Cosentino

Tragedia di Mottarone: folla per l’arrivo del feretro di Serena Cosentino a Diamante

E’ giunta a Diamante (Cosenza) la salma di Serena Cosentino, una delle 14 vittime del disastro della funivia della funivia di Stresa-Mottarone. La bara della giovane ricercatrice del Cnr di Verbania è già arrivata nella chiesa Gesù Buon Pastore dove è stata allestita una camera ardente ed e’ stata benedetta dal parroco don Eugenio Hounglonou. L’arrivo e’ stato salutato con un applauso, tra due lunghe ali di folla. All’interno, ad attendere il feretro, c’erano i parenti piu’ stretti. La gente di Diamante, all’esterno, si e’ disposta in fila, in un clima di grande commozione, attendendo di poter entrare per un ultimo saluto alla giovane ricercatrice del CNR, in attesa dei funerali che si terranno alle 16. Presente anche il sindaco Ernesto Magorno e i rappresentanti istituzionali con il gonfalone del comune listato a lutto con un drappo nero. Oggi, nella cittadina tirrenica, e’ lutto cittadino.

Tragedia di Mottarone: malore per la mamma di Serena all’arrivo dellasalma in chiesa

Decine di persone stanno rendendo l’ultimo saluto a Serena Cosentino, la 27enne di Diamante morta nell’incidente della funivia sul Mottarone insieme al fidanzato Mohammadreza Shahaisavandi di origini iraniane. La bara, coperta di gerbere bianche e gialle, e’ arrivata in tarda mattinata nella chiesa di Gesu’ Buon Pastore, accompagnata da un lungo applauso. Ad attenderla il sindaco Ernesto Magorno con il gonfalone della citta’ e don Eugenio Hounglonou parroco della comunita’. I genitori Maurizio e Ada, il fratello Mauro e le sorelle Francesca e Federica, tutti, ad eccezione della mamma, con indosso una maglietta gialla, il colore della ricerca, erano gia’ all’interno insieme ai familiari piu’ stretti. La giovane era impiegata da alcuni mesi a Verbania come borsista al Cnr – Istituto di Ricerca sulle Acque. All’arrivo della salma la madre, visibilmente provata, si e’ inginocchiata lasciandosi andare ad un pianto dirotto e dopo pochi minuti ha avuto un malore. Sono dovuti intervenire i paramedici per sedarla. Oggi, a Diamante, e’ lutto cittadino, proclamato dal sindaco in concomitanza con i funerali che si svolgeranno nel pomeriggio.