fbpx

Superlega, il retroscena del New York Times: la FIFA sapeva, Infantino era d’accordo

CNL / Ansa

Il New York Times rivela un clamoroso retroscena sulla Superlega: la FIFA sapeva, Gianni Infantino era d’accordo, poi il sorprendente voltafaccia

Infantino era a conoscenza del piano. Sapeva che alcuni dei suoi uomini più vicini erano stati impegnati per mesi, almeno fino alla fine di gennaio 2019, in trattative riguardo al sostegno della Fifa alla lega separatista“. Il New York Times svela un retroscena incredibile sulla Superlega. Il torneo che per appena 48 ore ha riunito la creme del calcio mondiale, avrebbe avuto il benestare della FIFA almeno nelle fasi iniziali. Secondo il quotidiano americano infatti, una fra le condizioni essenziali per la realizzazione del progetto era proprio il supporto della FIFA che avrebbe protetto le squadre dalle sanzioni e rassicurato dunque i calciatori dei club.

La condizione è stata ritenuta così importante che gli organizzatori hanno convenuto che il piano separatista non poteva avere successo senza soddisfarlo e tuttavia era così segreto che gli è stato dato un nome in codice anche nei contratti condivisi tra i fondatori – prosegue il NYTQuei documenti, le cui copie sono state riviste dal New York Times, si riferiscono alla necessità per i fondatori della Super League di stipulare un accordo con un’entità etichettata come W01 ma facilmente identificabile come Fifa, l’organo di governo globale del calcio“.

I colloqui, iniziati nel 2019, erano guidati da un gruppo noto come A22, un consorzio di consiglieri guidato dai finanzieri spagnoli Anas Laghari e John Hahn – rivela il New York Times – I funzionari di A22 hanno tenuto riunioni con alcuni dei più stretti collaboratori di Infantino, tra cui il vice segretario generale della Fifa, Mattias Grafstrom. Quei colloqui avrebbero dato ai club e alla JP Morgan, la banca d’investimento americana che aveva accettato di finanziare il progetto, un livello di conforto sulla sua fattibilità“. Dopo l’ufficializzazione della Superlega, il voltafaccia di Infantino avrebbe sorpreso enormemente i club.