fbpx

Superlega, Milan e Juventus non hanno ancora formalizzato l’uscita: rischiano 2 anni senza Champions League

CNL / Ansa

Milan e Juventus, insieme a Real Madrid e Barcellona, sono le uniche squadre e non aver formalizzato l’uscita dalla Superlega: l’UEFA valuta sanzioni

Il progetto della Superlega è tramontato nel giro di 48 ore, anche se a dirla tutta non può dirsi ancora concluso. Sette squadre hanno ufficializzato il loro addio, 8 se includiamo anche l’Inter che sarebbe ai dettagli, mentre 4 club sono ancora dentro a tutti gli effetti. Real Madrid e Barcellona, le due squadre che dal progetto avrebbero incassato i guadagni maggiori, non hanno fatto alcun passo indietro. Insieme alle due spagnole restano le due italiane, Milan e Juventus che, pur prendendo atto dell’impossibilità di mettere in atto il progetto nell’immediato, restano ancora ufficialmente dentro. L’UEFA ha contattato le 12 ‘ribelli’ negli ultimi giorni, raggiungendo una base di accordo con le inglesi Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham, oltre che con l’Atletico Madrid, unica spagnola a chiamarsi fuori. Secondo ESPN, l’Inter sarebbe vicina ad unirsi alle altre 7.

Secondo il newtork inglese, se le 4 dissidenti rimaste sulle loro posizioni non dovessero cambiare idea, l’UEFA potrebbe appellarsi all’articolo 51 degli statuti che impedisce l’adesione a organismi senza il via libera della confederazione continentale per sanzionare Real Madrid, Barcellona, Milan e Juventus: la pena sarebbe l’esclusione dalla Champions League per 2 anni. Le società di club invece potrebbero far affidamento sulla sentenza preliminare che il tribunale ha emesso diffidando l’UEFA dall’applicare sanzioni a club, calciatori e dirigenti delle squadre che sarebbero andate a costituire la Superlega.