fbpx

Strage di Capaci, l’Associazione per onorare la memoria dei caduti nella lotta contro la mafia: “ricordare l’eroico sacrificio di Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani”

strage capaci

Strage di Capaci, l’Associazione per onorare la memoria dei caduti nella lotta contro la mafia: “ricordare l’eroico sacrificio di Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani, vittime della criminalità organizzata di stampo mafioso e morti assieme ai due magistrati in quel tratto di autostrada devastato dalla sanguinosa furia criminale”

“Il 23 maggio ricorre il 29° anniversario della strage di Capaci. Più che mai oggi è forte la necessità di ricordare l’eroico sacrificio di Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani, vittime della criminalità organizzata di stampo mafioso e morti assieme ai due magistrati in quel tratto di autostrada devastato dalla sanguinosa furia criminale”. E’ quanto scrive in una nota l’Associazione Per Onorare La Memoria Dei Caduti Nella Lotta Contro La Mafia. “Per troppo tempo -prosegue la nota- Rocco, Antonio e Vito sono scomparsi dietro l’anonima definizione di “uomini della scorta” senza pensare che si trattava di persone dietro alle quali c’erano famiglie, storie, affetti e dignità. Famiglie che ancora oggi piangono la loro morte, storie interrotte da una carica di esplosivo, affetti lacerati dalle schegge dell’esplosione e dignità calpestata da un velo di oblio. Non devono esistere vittime di serie A e di serie B soprattutto, ma non solo, quando si tratta di servitori dello Stato che, con abnegazione e senso dello Stato, hanno svolto il loro lavoro. Non possiamo accettare che Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani continuino a essere figure anonime destinate a scomparire anche dall’iconografia del ricordo perchè, senza nulla togliere, né al dottor Falcone tantomeno alla dottoressa Morvillo, rappresentano un fulgido esempio di spirito di servizio e sono portatori di quei forti ideali di legalità cui dovrebbe aspirare tutta la comunità e di cui sono ispiratori. Richiamiamo fortemente la stampa, le associazioni e le fondazioni, che ricordano le vittime della strage di Capaci a contribuire, tramite atti concreti e non retorici, alla loro memoria. Perché ognuno di noi, quel giorno, era Rocco, Antonio e Vito. Perché ognuno di noi, quel giorno, è stato dilaniato dall’esplosione. Perché a ognuno di noi, quel giorno, è stato strappato un padre, una fratello, un fidanzato, un marito e un amico”. L’Associazione Per Onorare La Memoria Dei Caduti Nella Lotta Contro La Mafia ribadisce “fortemente il suo impegno non solo a non dimenticare ma a contribuire per evitare che l’oblio diventi pratica quotidiana”.