fbpx

Sicilia, il duro attacco della Lega: “troppi migranti, Lampedusa esplode e l’economia collassa”

Migranti Lampedusa Ansa

Nuovo sbarco di migranti a Lampedusa, situazione al collasso: l’attacco di Igor Gelarda, responsabile dipartimenti della Lega in Sicilia

Altri arrivi questa notte a Lampedusa dove ormai si è superata ogni logica e ogni dignità“. A dirlo è il responsabile dei dipartimenti della Lega in Sicilia, Igor Gelarda. “Ai 1500 migranti presenti dentro il centro, che ha una capienza per meno di 300 persone, se ne sono aggiunti un altro migliaio questa notte, che sono stati tenuti all’addiaccio nella zona del porto – aggiunge, secondo quanto riporta l’agenzia ‘Dire’ -. Mentre cinque milioni e mezzo di siciliani sono prigionieri della zona arancione, siamo costretti anche ad affrontare questa assurda emergenza. Bene ha fatto Salvini a chiedere incontro con Draghi, visto che quello di questi giorni è solo un piccolo assaggio di ciò che accadrà nei prossimi mesi“.

Gelarda poi prosegue: “Oltre ad i costi enormi per la gestione di questa emergenza, comprese le nuove navi quarantena che si dovranno appaltare, non è giusto che ci siano migliaia di attività commerciali in Sicilia ormai al collasso e 5 milioni e mezzo di siciliani in arancione, mentre i porti sono spalancati. Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensa il sindaco Orlando, e tutti quelli come lui che hanno sempre portato avanti il mito inesistente della cultura dell’accoglienza – prosegue Gelarda, che è anche capogruppo della Lega al consiglio comunale di Palermo -. Cosa pensano davanti ad un dramma di questo tipo, che vede l’Europa girarci le spalle, i lampedusani abbandonati e prigionieri nella loro stessa isola. E soprattutto un problema Covid che rischia di scoppiare prepotente, in mezzo a questa promiscuità inverosimile, aggravata da possibili varianti africane. O si interviene immediatamente o la Sicilia verrà invasa“.