fbpx

Reggio Calabria, l’Usb sulla vertenza di Villa Aurora: “inconcludente l’incontro con la proprietà”

Reggio Calabria, l’Usb: “nei giorni scorsi la nostra organizzazione sindacale è stata costretta ancora una volta a proclamare lo stato di agitazione dei lavoratori della casa di cura Villa Aurora”

“Nei giorni scorsi la nostra organizzazione sindacale è stata costretta ancora una volta a proclamare lo stato di agitazione dei lavoratori della casa di cura “Villa Aurora”, importante struttura reggina da qualche anno in mano al “gruppo Crispino”. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è l’aver collocato in Fis (una delle varie tipologie di ammortizzatori sociali) i fisioterapisti. Questo è avvenuto agli inizi di aprile, a seguito di oggettive difficoltà del reparto in questione, con la garanzia che si sarebbe trattato di una misura assolutamente temporanea. Invece il Fis per i fisioterapisti è stato rinnovato, nonostante il numero di pazienti sia tornato quasi ai livelli normali e nonostante comunque l’impiego di fisioterapisti a partita Iva e di ben tre tirocinanti”, è quanto scrive in una nota l’Usb Reggio Calabria. “Un danno ai lavoratori a tempo indeterminato –sottolinea la nota- quelli più garantiti e costosi oltre che meno ricattabili, ma soprattutto un danno ai pazienti che non riescono a ricevere le dovute terapie nella maniera adeguata a causa del maggiore lavoro cui sono costretti i fisioterapisti nei periodi di presenza. Su sollecitazione della Prefettura di Reggio Calabria abbiamo incontrato una rappresentanza della proprietà, ben sapendo quale sarebbe stata la risposta: quella di chi procede spedito con l’arroganza data dalla sicurezza dell’impunità, passando sopra i diritti dei lavoratori e degli stessi pazienti, e lavorando per il progressivo smantellamento di una struttura storica per la città di Reggio Calabria. Abbiamo dato mandato ai nostri legali per tutelare i nostri iscritti e sollecitare le autorità competenti a fare tutti i controlli adeguati e verificare la liceità delle decisioni prese dal Gruppo Crispino. Nonostante il muro che ci troviamo davanti come Usb non intendiamo fare un passo indietro, facendo appello alle istituzioni e a tutta la città per impedire che, in nome del business a tutti i costi, si perdano posti di lavoro, servizi, salute e dignità”, conclude la nota.