fbpx

Reggio Calabria, Lucia Nucera: “dispiace che Nicola Irto abbia ritirato la sua candidatura”

irto Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria, Lucia Nucera: “dispiace che Nicola Irto abbia ritirato la sua candidatura perché ha dimostrato impegno e qualità e di credere nel progetto di ricostruzione della Calabria”

“Dispiace che Nicola Irto abbia ritirato la sua candidatura perché ha dimostrato impegno e qualità e di credere nel progetto di ricostruzione della Calabria. Tuttavia, non appare strano viste le divisioni all’interno del PD calabrese e nazionale con tanti correnti come ho più volte detto, in cui ognuno guarda al proprio senza un progetto comune”. Lo dichiara Lucia Anita Nucera presidente Commissione pari opportunità comune Reggio Calabria. “Sono mesi che si parla di candidature, un tempo infinito in cui si sarebbe potuto sostenere e sviluppare un progetto condiviso con Irto candidato, che  invece è rimasto solo, mentre il resto del partito ha continuato nel silenzio, nel distacco, nell’isolamento,  nelle strategie, ancora di più se si tratta delle donne. Il PD deve mettersi in discussione per capire che non basta cambiare segretario se poi le dinamiche restano uguali. La Calabria -prosegue la presidente- merita di avere un governatore all’altezza che possa portare avanti gli interessi  e i diritti dei calabresi e tolga dal torpore in cui è finita questa terra. La Calabria non può e non deve essere merce di scambio in attesa di accordi e strategie fatti in altre città d’Italia, ma merita di avere un rappresentante degno del Partito Democratico, ma che deve essere sostenuto da tutti. Bisogna chiedersi quale futuro il PD voglia costruire in Calabria e a livello nazionale, se perseguire in una situazione di stallo e di frammentazione interna in cui si guarda solo all’interesse della propria corrente o se si vuole davvero operare un cambiamento che deve partire dall’interno con una discussione profonda su quelli che sono i temi che stanno a cuore ai cittadini. I calabresi sono stanchi, hanno bisogno di vedere riconosciuti i loro diritti e di sperare in un futuro migliore per questa terra. Le beghe e le divisioni di partito interessano poco alla gente che è giusto che prenda le distanze dalla politica se questa non dà le giuste risposte con impegno e competenza. Caratteristiche queste ultime -conclude Lucia Anita Nucera- che riguardano tante donne e uomini all’interno del PD, tra questi di certo Nicola Irto, e che meriterebbero ruoli diversi per dare un segnale di effettivo cambiamento”.