fbpx

Reggio Calabria: incontro con lo storico Francesco Leoncini

Reggio Calabria: continua in remoto la programmazione del Circolo Culturale “L’Agorà” che ospiterà , nel corso di una conversazione, il .maggiore studioso italiano di storia ceco-slovacca

Prosegue in remoto, a seguito dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e dei protocolli di sicurezza anti-contagio, l’attività associativa del Circolo Culturale “L’Agorà”. Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data dal 4 giugno, il Circolo Culturale “L’Agorà” organizza la conversazione su Edvard Beneš, una tra le personalità più rilevanti della politica europea della prima metà del Novecento. In tale occasione, il sodalizio organizzatore reggino ospiterà il professor Francesco Leoncini, il maggiore studioso italiano di storia ceco-slovacca e autorevole interprete della realtà politica e sociale della Mitteleuropa. Nel corso della conversazione verrà presentato il saggio storico ”La Boemia contro l’Austria-Ungheria. La libertà degli zceco-slovacchi e l’Italia”. Edvard Beneš è tra le personalità più rilevanti della politica europea della prima metà del Novecento, protagonista, assieme ai neomazziniani, della Conferenza delle nazionalità soggette all’Austria-Ungheria dell’aprile 1918 in Campidoglio,in Roma. Succeduto nel 1935 del secolo scorso al suo maestro e mentore Tomáš Garrigue Masaryk nel ruolo di presidente della Repubblica cecoslovacca, Beneš si trovò al centro e vittima  di crisi epocali, quali quella del 1938, che dette avvio alla Seconda guerra mondiale, e quella del 1948, quando la presa del potere dei comunisti a Praga segnò la definitiva rottura dell’alleanza antifascista tra le democrazie occidentali e l’Unione Sovietica. Francesco Leoncini , Università Ca’ Foscari Venezia,  in diverse occasioni ospite del Circolo Culturale “L’Agorà”, presieduto da Gianni Aiello, è autore di diversi saggi storici che tra l’altro sono stati tradotti in diverse lingue, infatti i suoi contributi sono stati tradotti in tedesco, ungherese, slovacco, ceco, inglese, francese, russo e albanese. Francesco Leoncini è membro dell’Associazione Italiana degli Slavisti, della Società di Studi Trentini di Scienze Storiche, dell’Istituto per le Ricerche di Storia Sociale e Religiosa di Vicenza, dell’Istituto per gli Incontri Culturali Mitteleuropei di Gorizia, della Deutsche Gesellschaft fuer Osteuropakunde (DGO) di Berlino, dell”Arbeitsgemeinschaft fuer die Neueste Geschichte Italiens (Saarbruecken), delle redazioni internazionali delle seguenti riviste: “Historicky Casopis” dell’Istituto Storico dell’Accademia delle Scienze Slovacca,”Poligrafi” dell’Università “Primorska” di Capodistria, “Crisia” del Muzeul Tarii Crisurilor di Oradea e “Valahian Journal of Historical Studies” del Centro per le Ricerche di Storia delle Relazioni Internazionali “Grigore Gafencu” dell’Università di Targoviste. Fa parte del Consiglio di Amministrazione della Société Européenne de Culture (SEC) di Venezia, è stato socio fondatore dell’Associazione Italiana Studi di Storia dell’Europa Centrale e Orientale (AISSECO), è consigliere corrispondente, a motivo dei suoi rapporti internazionali, della Fondazione Nazionale “Carlo Collodi”. Dal dicembre 2009 è presidente del “Centro di Documentazione Storica sulla Grande Guerra” di S. Polo di Piave (Treviso). Negli anni ’70 ha collaborato con il CESES (Centro Studi e Ricerche su Problemi Economico – Sociali) di Renato Mieli, il più qualificato istituto di ricerca in Italia sui Paesi dell’Europa orientale, e con la rivista “l’est” di Milano, ad esso collegata. E’ stato borsista del Collegium Carolinum. Forschungsstelle fuer die boehmischen Laender di Monaco di Baviera e ha fatto parte della redazione della rivista “L’Europa ritrovata” di Roma. Ha promosso a Venezia incontri con intellettuali e uomini politici dell’area oggetto delle sue ricerche, tra gli altri: Bohdan Cywinski, François Fejto, Koloman Gajan, Andras Hegedus, Andrej Sinjavskij, Marko Sunjic, Miklos Vasarhelyi e Marek Waldenberg.Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data dal 4 giugno.