fbpx

Reggio Calabria: i risultati emersi dal primo incontro del ciclo di conferenze sul periodo napoleonico [VIDEO]

Reggio Calabria, i risultati emersi del primo incontro sul “5 maggio”. Seconda giornata venerdì 7 maggio con lo storico Peter Hicks docente della prestigiosa università di Cambridge

In occasione del bicentenario della morte di Napoleone Bonaparte si è svolto, da remoto, il primo incontro del ciclo di conferenze sul periodo napoleonico, denominato “5 maggio”, giunto alla sua XVIII edizione, organizzato dal Circolo Culturale“L’Agorà” e dal Centro studi “Gioacchino e Napoleone”. La parte iniziale della giornata di studi ha visto protagonista Gianni Aiello, presidente delle due co-associazioni reggine. L’analisi dell’intervenuto ha focalizzato sia l’attenzione dell’uomo, del soldato, del politico Napoleone Bonaparte che il principio di meritocrazia, indicatore significativo dello spirito rivoluzionario che porterà all’abbattimento dell’Ancien Régime francese del 1789. Il crollo del regime feudale indica anche uguaglianza civile: gli impieghi che prima erano riservati ai nobili, come ad esempio le funzioni amministrative, militari, giudiziarie, sanitarie, saranno aperte a tutte le classi sociali. Il periodo storico in cui visse Napoleone Bonaparte fu caratterizzato dalle profonde trasformazioni politiche e sociali che ebbero a determinare uno spartiacque nella storia europea ed in particolare nel Mezzogiorno della Penisola italiana. Questi alcuni degli indirizzi a riguardo la figura ed il periodo storico in cui visse il grande Corso, facenti parte del tema “Napoleone Bonaparte: Chi era costui?.1” che è stato affrontato da Gianni Aiello. La seconda parte della manifestazione ha rivolto il suo sguardo tra la storia locale ed i grandi eventi. Infatti sono state consegnate due targhe alla memoria, ai discenti di quei militari che furono al seguito sia di Napoleone Bonaparte che Gioacchino Murat. Sono intervenuti Guido Castellani, discendente del gentiluomo MonsieurThierry, militare francese al seguito di Gioacchino Murat, Re di Napoli (1808-1815). L’altra testimonianza è stata quella dell’avvocato Francesco Polimeno, discendente di Demetrio Cogliandro, militare reggino, al seguito di Napoleone Bonaparte, presente nella battaglia di Austerlitz 2 dicembre 1805.Il ciclo di conferenze sul periodo napoleonico, denominato “5 maggio”, giunge alla sua XVIII edizione, organizzato dal Circolo Culturale “L’Agorà” e dal Centro studi “Gioacchino e Napoleone” e le due co-associazioni per tributare il giusto ricordo ad una figura importante della storia, ricorderanno per tutto il mese con appositi approfondimenti tale personaggio con il supporto di studiosi, ricercatori, docenti universitari, istituti culturali. La seconda giornata sugli studi napoleonici, tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020, sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data dal 7 maggio. In tale occasione sarà gradito ospite delle due co-associazioni reggine Peter Hicks, docente universitario di storia, storico e responsabile delle relazioni internazionali della FondationNapoléon di Parigi. Dopo aver conseguito una laurea in lettere classiche presso l’University College di Londra dal 1982 al 1985 e un anno di studi presso l’Istituto di Paleografia dell’Università Sapienza di Roma , ha studiato per un dottorato di ricerca presso il St John’s College di Cambridge . Hicks è stato lettore (assistente linguistico) presso l’Università degli Studi di Pavia nel 1990-1991, mentre era studente di scambio di San Giovanni al Collegio Ghislieri di Pavia, e ha iniziato a lavorare come storico per la Fondazione Napoleon nel 1997. È stato nominato Visiting Research Fellow (un incarico ricoperto dal 1997 al 2007), ed è diventato professore in visita presso l’Università di Bath nel 2007. Nel 2006, Hicks è stato nominato membro onorario presso l’Istituto su Napoleone e la Rivoluzione francese della Florida State University . È stato nominato nel comitato editoriale del St Andrews Studies in French History and Culture nel 2011 ed è stato invitato a diventare direttore della Massena Society nel 2013. Nel 2008, Hicks è stato nominato dalla Provincia di Alessandria al comitato consultivo per la realizzazione del Museo Marengo di Alessandria, Italia. Fa parte dei comitati di redazione delle riviste internazionali Albertiana e Napoleonica La Revue.