fbpx

Reggina, Gallo: “Grazie Baroni, prima mangiavo e dormivo poco. Non voglio più vedere il Granillo vuoto”

Gallo Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Le parole del presidente della Reggina Luca Gallo al termine della sfida del Granillo tra gli amaranto e l’Ascoli: il patron del club ringrazia Baroni

“Sono venuto qui perché volevo porre l’accento su quanto accaduto oggi. So che i proclami che ho fatto io erano differenti e probabilmente la tifoseria non è del tutto soddisfatta, ma voglio evidenziare il risultato sportivo oggi raggiunto”. In conferenza stampa dopo Reggina-Ascoli si presenta anche il presidente amaranto Luca Gallo, che ringrazia mister Baroni (e non solo) e parla di obiettivi futuri.

Reggina, Gallo: “Ho ringraziato il mister, chi se lo scorda quella notte in cui lo ingaggiai”

Ho ringraziato il misterprosegue – e ricordo quella notte in cui presi la decisione di ingaggiarlo, me la ricordo bene perché si fece tardi. Fu una sorta di capodanno della Reggina di quest’anno, due giorni dopo incontrai Baroni ed ero in condizioni non buone, dormivo e mangiavo poco, soffrivo in maniera impressionante. Dissi al mister che mi trovavo in quella situazione e volevo solo salvare la Reggina. Lui mi disse: ‘Presidente, le prometto che la Reggina la salvo‘. Dopo un po’ di tempo riuscii ad addormentarmi con quelle parole. Lo ringrazio per questo e con lui i ragazzi, lo staff tecnico, sanitario, tutti coloro che lavorano al Sant’Agata che fanno sì che il centro sportivo sia funzionale, l’ufficio stampa, il personale amministrativo, i manutentori, il barista, il personale di mensa”.

Reggina, Gallo: “Ho detto a mio fratello che spero di non vedere ancora per molto lo stadio vuoto”

Poi l’attenzione si sposta sulle difficoltà economiche, sulle parole al fratello e sui ringraziamenti. “Campionato economicamente difficile, lo sappiamo. Era presente al Granillo mio fratello, gli ho detto ‘speriamo che sia la penultima volta con il Granillo vuoto“.

Reggina, Gallo: “I playoff sarebbero un’impresa”

Sull’obiettivo finale: “Non dico che non sono soddisfatto, ma ce la giochiamo. A inizio campionato pensavo di vincere, quindi figuriamoci se non ho pensieri positivi. Le differenze è tra ciò che sogni di fare e ciò che puoi fare. Ora rimangono due partite e il fatto che ci si possa giocare i playoff avvalora di più il lavoro fatto. Cercheremo di fare il massimo. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto oggi. I playoff sarebbero un’impresa“.

Reggina, Gallo: “Per me si prosegue col mister, ma gli accordi si fanno in due”

Il futuro, per il presidente, è ancora con mister Baroni: “Come potrei dire di no alla prosecuzione col mister, certo che è così. Quando una persona porta dati di fatto va data fiducia, ma gli accordi si fanno in due. Gli ho offerto un contratto, cercherò di arrivare il più vicino possibile a quanto chiede. Finora mi ha sempre detto che sarebbe contento di proseguire”.

Reggina, Gallo: “Non ero d’accordo sullo stop dopo il caso Pescara”

Infine, un suo parere sullo stop per il caso Pescara: “Non ero d’accordo alla pausa – conclude – ma questo non è importante, perché abbiamo votato e il mio voto vale quanto quello di un altro. La Reggina in quel momento era lanciata, siamo stati penalizzati dallo stop”.

Reggina, Gallo sullo stadio: “Ci penso sempre, vogliamo che i tifosi scelgano il nome insieme a noi”