fbpx

Reggina-Frosinone, Baroni: “Brutta sconfitta ma bella annata”. E poi torna a parlare di futuro

Reggina-Monza Baroni Foto StrettoWeb

Ultima conferenza stampa post gara della Reggina: le parole di mister Baroni al termine della sfida tra gli amaranto e il Frosinone

Il tecnico amaranto Marco Baroni ha incontrato come di consueto i giornalisti per l’ultima conferenza stampa post gara di questa stagione. Le sue parole al termine della sfida tra Reggina e Frosinone del Granillo.

LA PARTITA – “C’è stata una disconnessione tra quello che volevamo fare e quello che poi è successo. Le gare ravvicinate sono state difficili da gestire dal punto di vista delle energie sia fisiche che nervose. Dispiace, mi prendo le responsabilità della sconfitta. Quello striscione è stato molto bello, ha toccato molto me e i giocatori. Non era la chiusura che volevamo e che volevo io. Una brutta sconfitta oggi ma una bellissima annata”.

MENEZ E INDISPONIBILI – “Menez ieri non si è allenato per un problema alla caviglia, non stava bene. Volevo dare un premio ai ragazzi della Primavera, sono bravi, devono lavorare ma volevo dargli questa possibilità. C’erano anche Petrelli e Chierico che sono cresciuti molto, venivano comunque da un periodo non facile. Mi sembrava giusto inserirli, ma avrei voluto farlo anche in altra situazione”.

IL FUTURO – “Adesso ci sono delle valutazioni da fare. Da parte mia c’è stata subito disponibilità, ci sono da fare delle analisi da entrambe le parti. Le faremo in queste settimane. La squadra nei numeri ha dimostrato cosa è stata in grado di fare nel girone di ritorno. Io ho tracciato una linea guida sul tipo di calcio che piace a me e che parte dai giocatori dinamici, che riescono a portare intensità, che sappia entusiasmare e trasmettere emozioni. La gratificazione più bella è che questo messaggio sia arrivato alla tifoseria”.

LA MAGLIA FIRMATA PER L’ARBITRO MAROTTA – “Mi dispiace del risultato ma sono onorato della maglia firmata per l’arbitro Marotta, ha diretto la partita con personalità. Per me si sfonda una porta aperta così: quando sale la cultura dello sport e della competizione anche l’operato degli arbitri è facilitato”.

Si presentano in sala stampa Loiacono e Denis per un saluto rapido.

LOIACONO“Volevamo salutare giornalisti e tifosi che non hanno potuto farci sentire la propria presenza fisica con il cuore”.

DENIS – “L’anno scorso è stato bellissimo, quest’anno i tifosi ci sono mancati ma il calore no, che si è comunque percepito. Ringraziamo tifosi e giornalisti”