fbpx

Reggina-Baroni, la situazione: fase intermedia, ma c’è già il primo passo

reggina baroni nuovo allenatore Foto Reggina / Lillo D'Ascola

La Reggina ha fatto il primo passo e ora attende Baroni: la volontà è di proseguire, ma per la conferenza di venerdì non è previsto alcun annuncio

La Reggina vuole continuare con mister Marco Baroni. L’intenzione, chiara, era già stata ampiamente esplicitata da entrambe le parti nel finale di stagione. C’è la disponibilità del tecnico e c’è la volontà della società. Ma, per dirla alla Gallo, “i matrimoni si fanno in due”, e questo vale per ogni tipo di accordo di qualsiasi natura.

L’incontro tra la società e l’allenatore fiorentino è avvenuto nei giorni scorsi, ormai da quasi una settimana, e la situazione è in fase intermedia. Il club ha fatto il primo passo, ponendo le condizioni per andare avanti insieme e mettendo sul piatto garanzie economiche e tecniche in linea con gli obiettivi (leggasi “organico”, ma su questo verranno fatte altre valutazioni in futuro in caso di fumata bianca). Adesso si attende un messaggio da parte dell’ex Frosinone, che dopo l’intenso periodo in panchina è tornato a casa da qualche giorno per godersi le meritate vacanze. Il “segnale”, però, non dovrebbe arrivare tra oggi e domani. Quindi, a meno di clamorose novità dell’ultim’ora, non vi sarà alcuna ufficialità in merito e quindi nessun annuncio da parte del presidente Gallo durante la conferenza stampa di venerdì, seppur lo stesso verrà comunque sottoposto dai giornalisti a domanda specifica sul tecnico e non solo.

Non hanno motivo di esistere, dunque, tutte le indiscrezioni degli ultimi giorni legate a possibili successori. Il club amaranto non si muoverà, in un senso o nell’altro, se non avrà prima la risposta ufficiale di Baroni. In caso di esito negativo, ma questa è l’ipotesi meno accreditata, si andrà alla ricerca di un’altra figura costruendo il mercato in base alle idee del nuovo allenatore. Altrimenti, se il matrimonio proseguirà, si traccerà la linea della continuità già fissata dal presidente dopo Reggina-Frosinone. A tal proposito, anche su questo punto le indiscrezioni emerse in questi giorni sono da catalogare alla voce “bombe” o al massimo sondaggi esplorativi, di quelli che si fanno anche in pieno inverno e in pieno clima campionato. Serie A, B e C sono ancora in atto, se si considera anche la fase a spareggi, mentre chi ha terminato ed è sotto contratto si trova già in vacanza e non vuol sentire parlare d’altro per qualche settimana, motivo per cui i procuratori hanno i cellulari spenti e non forniscono in questa fase molte informazioni. Gli unici a muoversi sono quegli agenti che hanno motivo di far circolare i nomi dei propri assistiti perché in scadenza o svincolati, ed è anche per questo che diversi nomi in entrata e in uscita legati alla Reggina sono spuntati.

Ma anche in questo caso si dovrà attendere la certezza sul tecnico e prima ancora sul ds. L’incontro tra Gallo e Taibi è avvenuto ieri ma anche in questo caso il lavoro effettivo non potrà partire prima di avere le altre certezze. Prima di sistemare la facciata di un palazzo, in fondo, è necessario affidarsi a una squadra certa di operai di cui fidarsi e con cui proseguire il lavoro.