fbpx

Coronavirus, nuovo aggiornamento sui vaccinati in Italia in rapporto alla popolazione: in Calabria il 20% è totalmente coperto [GRAFICI]

Vaccini Coronavirus Italia

Il numero reale dei vaccinati in Italia contro il Coronavirus tenendo conto dell’ultima decisione dell’Ema di somministrare il vaccino anche ai soggetti superiori ai 12 anni

Più giorni passano e più migliora la situazione in Italia per quanto riguarda i vaccinati contro il Coronavirus. Lontani i numeri dei primi mesi in cui, tra mille difficoltà, si raggiungevano a stento le poche centinaia di migliaia, tra la più totale confusione legata a disorganizzazione e scetticismo. Ad oggi le 500 mila somministrazioni (ma anche di più) sono un dato abbastanza frequente, destinato anche ad aumentare con i rifornimenti di nuove dosi che arriveranno nelle prossime settimane.

E così, a livello generale ma anche Regione per Regione, il quadro è sempre più confortante. Sempre tenendo conto di quelli che sono i grafici (in fondo all’articolo) precisamente elaborati dal dott. Luca Fusaro, è possibile osservare la situazione nel dettaglio. Le percentuali, considerando la decisione dell’EMA di vaccinare i soggetti dai 12 anni in su, aumentano di diversi punti. In rapporto alla popolazione, e quindi escludendo le persone sotto i 12 anni, la percentuale di vaccinati completi (con prima e seconda dose) in Italia è del 21,38%. Calabria e Sicilia nella media: 20,16% per la prima (340.370 vaccinati su una popolazione di 1.688.617) e 20,35 per la seconda (882.525 vaccinati su una popolazione di 4.336.609).

Per quanto riguarda invece la prima dose, la media generale del paese è del 41,12%, con la Calabria a 39,44 e la Sicilia a 36,09%, all’ultimo posto e un po’ più staccata da tutte le altre. In totale, nella punta dello stivale è stato superato il milione di somministrazioni (1.006.311 per l’esattezza): 340.370 con prima e seconda, come scritto su, e 665.941 con la sola prima. In Sicilia si sfiorano le 2,5 milioni di somministrazioni. In basso tutti i grafici.

Vaccini Coronavirus Italia

Vaccini Coronavirus Italia

 

Vaccini Coronavirus Italia

Vaccini Coronavirus Italia