fbpx

Puliamo Punta Bianca per commemorare la festa della Regione Siciliana

/

Conferenza stampa oggi ad Agrigento presso la pinacoteca del palazzo Filippini per annunciare e descrivere la giornata ecologica “Puliamo Punta Bianca” che si svolgerà il 15 maggio dalle ore 9.00

Conferenza stampa oggi ad Agrigento presso la pinacoteca del palazzo Filippini per annunciare e descrivere la giornata ecologica “Puliamo Punta Bianca” che si svolgerà il 15 maggio dalle ore 9.00, lungo l’omonimo litorale agrigentino compreso tra i comuni di Agrigento e Palma di Montechiaro. Nel giorno in cui ricorre la festa della Regione Siciliana, l’associazione Marevivo Onlus, in collaborazione con l’associazione Mareamico e Urb En Pact hanno voluto promuovere una giornata ecologica che vedrà impegnati tantissimi volontari per il ripristino della spiaggia di un luogo di una valenza naturalistica unica, con la sua alta scogliera di marna bianca, le insenature e le calette che si affacciano in un mare verde cristallino d’incredibile bellezza. Uno scenario naturale molto noto e apprezzato dalla comunità residente e dai turisti e che concorre a pieno titolo con la bellezza della Scala dei Turchi, appena poco distante.

La scelta di commemorare una giornata così importante per i siciliani e per gli amanti della natura non proviene soltanto dalla valutazione dell’alta valenza della località, la cui bellezza purtroppo non riesce ad arrestare gli spiaggiamenti ormai incontenibili dei rifiuti dispersi in mare, ma dalla determinazione di molti volontari legati a questo luogo, che non tollerano più le conseguenze generate dall’inquinamento e dalla mancanza di attenzione e che aspirerebbero a vedere Punta Bianca inserita in un programma di tutele e preservazione. Infatti, già nel 1996 Marevivo fece istanza per l’inserimento di Punta Bianca nel Piano Regionale dei parchi e delle riserve di Sicilia, fornendo alle istituzioni di riferimento a supporto della richiesta di protezione, una relazione che descriveva dettagliatamente l’inquadramento faunistico e botanico, ma anche quello archeologico e paesaggistico della zona. “Anni di lotte e di istanze reiterate non sono state sufficienti a garantire la tutela di questa parte importante di litorale agrigentino che rimane ancora oggi esposto a diversi rischi di deturpazione – dichiara Fabio Galluzzo di Marevivo – benché nel 2001 l’allora Assessorato regionale dei beni culturali ed ambientali con un decreto dichiarò l’area di notevole interesse pubblico, senza che ne seguissero però nel tempo ulteriori misure di protezione. Siamo decisi a portare avanti l’istanza di conservazione oggi più che mai, forti del sostegno della comunità locale e della spinta di tante associazioni di giovani che credono nella salvaguardia come strumento di valorizzazione del territorio e opportunità di crescita economica” La spinta ecologica di un folto numero di associazioni locali che si sono unite ai promotori – dichiara Claudio Lombardo di Mareamico – rivela il grande desiderio d’impegno e il voler far valere le ragioni di questa parte del territorio di Sicilia, ricco di cultura e bellezze naturali, ma bisognoso di attenzione, cura e investimenti che possano sostenerne il futuro sviluppo sostenibile.

“Ho voluto promuovere questa conferenza stampa – dichiara Franco Miccichè, sindaco di Agrigento – perché trovo di grande importanza la nascita di questo protocollo tra istituzioni pubbliche, associazioni e comunità finalizzato a rappresentare la volontà comune di scendere in campo per la tutela e la promozione del nostro territorio, sperando che l’impegno che si sta assumendo possa accelerare la valutazione dell’inserimento ufficiale di Punta Bianca tra le riserve siciliane e nell’immediato abbattere tutte le barriere che ne impediscono la fruizione regolata”. Collaborerà all’evento di sensibilizzazione anche l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Sicilia con i suoi veterinari che libereranno un esemplare di tartaruga marina della specie Caretta caretta riabilitato presso il loro centro soccorso di Palermo. La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Agrigento e di Palma di Montechiaro e collaboreranno alla giornata di pulizia le associazioni locali Urb- En – Pact, AmaAgrigento – team spiagge pulite, Fidapa, Archeoclub, Club nautico di Palma di Montechiaro, Gruppo Scout Palma 1 e Palma 2, Puliamo Palma, Ecologisti confederati, INSA, Nuvola bianca Favara e Agesci; è prevista anche la partecipazione di alcune scuole nel rispetto totale delle norme di sicurezza.