fbpx

Premio Schiaparelli, secondo posto per l’Euclide di Bova Marina con Vittoria Altomonte

Ancora un podio per l’Istituto di Istruzione Superiore Euclide di Bova Marina, sempre più protagonista sulla ribalta nazionale

Ancora un podio per l’Istituto di Istruzione Superiore Euclide di Bova Marina, sempre più protagonista sulla ribalta nazionale. È stata la giovane Vittoria Altomonte della classe IV C sezione Liceo Scientifico ad ottenere un prestigioso secondo posto nel corso dell’undicesima Edizione del “Premio Nazionale Giovanni Virginio Schiaparelli”, manifestazione indetta nell’ambito del Protocollo di Intesa MI-SAIt, dalla Società Astronomica Italiana e l’Istituto Nazionale di Astrofisica/Osservatorio Astronomico di Brera, in collaborazione con la Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per la Valutazione e l’internazionalizzazione del Sistema Nazionale di Istruzione – MI. Il Concorso, nato nel 2010 in occasione delle celebrazioni per il centenario della scomparsa di Giovanni Virginio Schiaparelli, è diventato un appuntamento annuale al quale possono partecipare, in forma individuale, le studentesse e gli studenti iscritti nelle scuole italiane, con la produzione un elaborato, in formato elettronico, sul tema di volta in volta individuato. “Testo molto particolare e personalizzato dalla introduzione di molte citazioni storiche e letterarie. Le trattazioni della natura del rischio legato a impatti di comete o di asteroidi e del problema dei detriti spaziali sono appropriate”. Questa la motivazione con cui la giuria ha inteso premiare la giovane studentessa. Soddisfazione per il prestigioso risultato viene espressa da Carmen Lucisano dirigente dell’Euclide: “Registriamo con gioia l’ennesimo successo per la nostra scuola – dice la preside – un risultato importantissimo giunto in una competizione di rilievo nazionale dando merito all’impegno ed alla serietà, quelle della nostra Vittoria ma certamente quelle di tutti coloro i quali, nel nostro Istituto si spendono quotidianamente nel ruolo di formatori”.

Vittoria Altomonte