fbpx

Olimpiadi Tokyo 2020, accordo con Pfizer: dosi del vaccino a disposizione di atleti olimpici e paralimpici

Foto di Christian Charsius / EPA / Ansa

Olimpiadi Tokyo 2020, il Cio trova l’accordo con Pfizer e BioNTech per la distribuzione di dosi del vaccino agli atleti olimpici e paralimpici

Il Cio accoglie con favore la donazione di vaccini da parte di Pfizer e BioNTech alle squadre dirette ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020“. Lo scrive in una nota il Cio. Nell’ambito dei piani per garantire la sicurezza e la protezione dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020, il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) ha annunciato oggi la firma di un memorandum d’intesa (MoU) con Pfizer Inc. e BioNTech SE per donare le dosi delle società ai partecipanti ai Giochi dei Comitati Olimpici e Paralimpici Nazionali di tutto il mondo. I Comitati Olimpici Nazionali (Noc), prosegue il comunicato citato dall’agenzia ‘Dire’, lavoreranno con i loro governi locali per coordinare la distribuzione locale in conformità con le linee guida sulla vaccinazione di ogni paese e in conformità con le normative locali.

Il Cio e il Comitato Paralimpico Internazionale (Ipc), prosegue la nota, stanno lavorando con i Noc (Comitati Olimpici Nazionali) e i Comitati Paralimpici Nazionali (Npc) per incoraggiare e assistere i loro atleti, funzionari e parti interessate dei Giochi che risiedono nei loro territori a farsi vaccinare nei loro paesi d’origine in linea con le linee guida nazionali sull’immunizzazione, prima di andare in Giappone. Questo non è solo per contribuire all’ambiente sicuro dei Giochi, ma anche per rispetto dei residenti in Giappone. Molti governi nazionali hanno già compiuto passi positivi in questo senso e sono in consultazione con i loro Noc e Npc per vaccinare i partecipanti ai Giochi. Sulla base del feedback dei Noc e degli Npc, si prevede che una percentuale significativa di partecipanti ai Giochi sarà stata vaccinata prima di arrivare in Giappone. Il nuovo MoU (memorandum d’intesa) si aggiunge a questi sforzi. È importante notare, conclude il comunicato del Cio, che eventuali dosi aggiuntive fornite da Pfizer e BioNTech non verranno eliminate dai programmi esistenti, ma si aggiungeranno alle quote esistenti e alle consegne pianificate in tutto il mondo.