fbpx

Drammatico incidente a San Donato: precipita con l’auto da un cavalcavia, muore 48enne di Cittanova

  • UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO
    UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO
  • UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO
    UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO
  • UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO
    UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO
  • UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO
    UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
  • Foto di Andrea Canali / Ansa
    Foto di Andrea Canali / Ansa
/

Andrea Deni, artigiano del settore edile, originario di Cittanova, comune in provincia di Reggio Calabria e da tempo viveva in Lombardia

Drammatico incidente a San Donato Milanese, è morto il 48enne Andrea Deni, artigiano del settore edile, originario di Cittanova, comune in provincia di Reggio Calabria. Deceduto all’ospedale Humanitas di Rozzano, nella giornata del 12 maggio era precipitato da un cavalcavia dopo aver sfondato le barriere di protezione con la sua auto. Prima di perdere conoscenza, Deni era riuscito a chiamare i soccorsi evitando, altresì, un’altra tragedia. La telefonata, infatti, ha permesso di bloccare il transito dei treni che sarebbero passati da lì a poco sui binari su cui l’auto era caduta.

L’uomo era sposato, padre di due ragazze, era diventato da poco nonno. Deni lascia dunque le figlie, il nipotino, la moglie Donatella, ma anche la mamma, i fratelli e i tanti parenti che vivono in città. Una famiglia numerosa, che tutti descrivono come molto unita e affiatata, una morte così improvvisa, inspiegabile è davvero impossibile da accettare.