fbpx

Mikel Landa, una carriera in salita. Il campione malinconico lascia il Giro d’Italia 2021: la sua è una maledizione

Foto di Luca Zennaro / Ansa

Mikel Landa fuori dal Giro d’Italia 2021, la maledizione nei grandi giri continua: il campione malinconico perseguitato dalla sfortuna

In molti lo davano per favorito alla vittoria del Giro d’Italia 2021, la 104ª edizione della Corsa Rosa, disegnata con diverse salite importanti, doveva essere la sua gara, ma Mikel Landa ha alzato bandiera bianca dopo 5 tappe. Il ciclista spagnolo è stato lo sfortunato protagonista di una brutta caduta che ha coinvolto Dombrowski e un addetto alla sicurezza. Rimasto steso sull’asfalto, il capitano della Bahrain Merida è stato trasportato in ambulanza all’ospedale: possibile frattura di una clavicola e ‘adios’ alle speranze di vittoria.

La maledizione dei Grandi Giri per Mikel Landa continua. Lo spagnolo dallo sguardo malinconico, sofferente a cronometro tanto quanto elegante e forte nelle salite in cui gli avversari hanno il volto trasfigurato dalla fatica, ha raccolto meno soddisfazioni rispetto a quante il suo talento meriterebbe. Spesso il nativo di Mungia è rimasto lontano dai riflettori, nell’ombra di compagni più carismatici o blasonati: Fabio Aru e Vincenzo Nibali in Astana; Chris Froome nel Team Sky; Alejandro Valverde e Nairo Quintana alla Movistar.

caduta mikel landa giro d'italiaAltre volte sono stati gli infortuni a fermarlo. Nel 2016 si ritira dal Giro d’Italia, iniziato con i gradi di capitano, a causa di alcuni problemi fisici. Nel 2017 altro ritiro dalla Corsa Rosa in seguito ad una caduta nella 9ª tappa nonostante scollini per primo sullo Stelvio (Cima Coppi) e trionfi sulla salita del Piancavallo: terminerà in maglia azzurra. Nel 2018 addirittura una doppia beffa: prima salta la Vuelta a causa di una vertebra fratturata durante la Clasica di San Sebastian, poi si presenta al Giro d’Italia da capitano ma vede uno strepitoso Richard Carapaz, suo compagno di squadra, conquistare la maglia rosa e non mollarla più. Passerà da capitano a gregario, terminando appena giù dal podio. Quarto posto che fa il paio con quello ottenuto al Tour de France 2017 con un solo secondo di distacco da Romain Bardet. Ironia della sorte, Mikel Landa vanta un solo podio al Giro d’Italia (risultato migliore in carriera), conquistato da gregario: siamo nel 2015, l’anno in cui riesce a vincere sulla salita di Madonna di Capiglio superando il suo stesso capitano Fabio Aru e successivamente si ripete sulla salita del Mortirolo. Per il Giro d’Italia di quest’anno aveva grandi speranze, infrante da uno spartitraffico e una maledizione che proprio non lo vuole abbandonare.