fbpx

Reggina-Baroni: fumata nera. E adesso comincia il toto-allenatore

Marco Baroni Foto di Simone Arveda / Ansa

Fumata nera tra la Reggina e Marco Baroni, le parti non proseguiranno insieme il proprio cammino: le ultime

Marco Baroni non sarà più l’allenatore della Reggina. L’incontro tenutosi nella giornata odierna ha infatti dato esito negativo: è fumata nera, come verificato dalla nostra redazione. Il club amaranto non ha inteso più aspettare il tecnico fiorentino, dopo la prima offerta presentata quasi due settimane fa, e si è fatta avanti ponendogli un ultimatum, in modo da potersi muovere di conseguenza. Dall’ex Benevento, che ha tentennato e forse sta valutando più opzioni, è arrivato il due di picche.

A questo punto è lecito attendersi più di una novità importante nel futuro prossimo. Storicamente (dall’inizio dell’era Gallo) la Reggina non ci ha messo molto a trovare l’accordo con un nuovo allenatore, escludendo il pre Toscano, non completamente dipendente dalle due parti. In questo caso, è probabile che i tempi si dilatino in base all’importanza e al curriculum della figura scelta, ma difficilmente si andrà oltre una certa data. Qualche nome circola con insistenza da ore e al momento il più “forte” è quello di Alfredo Aglietti, che sarebbe sicuramente la scelta maggiormente avallata dalla tifoseria. Da giorni, sui social, i tifosi amaranto hanno infatti iniziato a scatenarsi sul toto-allenatore, facendo prevalere un apprezzamento nei confronti dell’indimenticato ex bomber, uno dei migliori centravanti della storia del club dello Stretto. Grazie ai suoi gol era stata raggiunta una promozione in Serie B nel 1994-1995 e la salvezza nell’anno successivo. “Di sicuro io e il Chievo siamo più lontani rispetto alla settimana scorsa”, ha detto l’allenatore in un’intervista a L’Arena. “Non ho pretese economiche particolari ma l’aspetto tecnico è la prima cosa che valuto per prendere una decisione”. Affermazioni che si uniscono a quelle di un po’ di tempo fa, in cui ha detto che “sarebbe bellissimo” allenare la Reggina.

Il nome, come detto, è “forte”, ma né per lui né per altri allenatori il club amaranto ha (aveva) finora affondato veramente il colpo, perché aspettava la risposta da Baroni. Lo inizierà a fare da ora, scandagliando varie piste e arrivando alla soluzione il prima possibile, così da cominciare a programmare la prossima stagione. A questo punto il toto-allenatore è cominciato, non resta che seguire passo passo ogni mossa.