fbpx

Museo del mare, prima riunione tra il Comune e gli architetti. Falcomatà: “Vi spiego cosa ci sarà dentro”. E sui tempi…

Waterfront Museo del Mare Zaha Hadid

Reggio Calabria, prima riunione tecnica sulla progettazione del Museo del mare: il Sindaco Falcomatà ha incontrato Filippo Innocenti dello studio “Zaha Hadid Architects” di Londra e i progettisti della Artuso Architetti Associati

Il percorso che porta al Museo del mare di Reggio Calabria, il grandioso progetto firmato dalla compianta Zaha Hadid, è stato al centro della riunione tecnica a cui hanno preso parte il Sindaco Giuseppe Falcomatà, l’assessore ai Lavori pubblici e Grandi opere, Giovanni Muraca, l’architetto Filippo Innocenti dello studio Zaha Hadid Architects di Londra, l’architetto Gianni Artuso dello Studio Artuso Architetti Associati e il dirigente comunale settore Grandi Opere, Programmazione lavori pubblici e Risorse comunitarie, Demetrio Beatino. L’incontro ha rappresentato il primo step del complesso iter che vede la grande opera annoverata tra i 14 progetti strategici inseriti dal governo nel Piano per i Grandi attrattori culturali con uno stanziamento di 53 milioni di euro.

“Oggi abbiamo ripreso le attività di carattere tecnico e amministrativo e le connesse analisi sulle procedure che ci porteranno all’approvazione del progetto esecutivo e successivamente alla gara d’appalto”, ha spiegato il Sindaco Falcomatà al termine dei lavori. “Ci siamo confrontati su questi temi con gli esperti dello Studio Artuso Architetti Associati che collabora con lo studio Zaha Hadid e con Filippo Innocenti, dello stesso studio Zaha Hadid Architects di Londra. Non sarà un percorso breve, – ha evidenziato il primo cittadino – anche alla luce dell’ingente investimento previsto che impone l’adozione di un metodo di lavoro ragionato e improntato alla massima attenzione. Tuttavia occorre sottolineare che a differenza del passato in cui il progetto era finanziato su quattro leggi diverse, circostanza che non a caso ci aveva spinto a metterlo momentaneamente da parte, adesso il finanziamento è unico e le risorse sono immediatamente disponibili”.

Questo incontro è servito a tracciare un primo indirizzo operativo che, ha sottolineato Falcomatà, “come amministrazione, vogliamo che sia caratterizzato da un’ampia partecipazione da parte del tessuto sociale e culturale cittadino. Siamo orgogliosi del fatto che il governo abbia deciso di inserire il Museo del mare fra i 14 progetti decisivi per lo sviluppo turistico del Paese. E’ un passaggio cruciale al quale abbiamo lavorato tantissimo insieme al ministro Fransceschini che ringrazio e al presidente Decaro in sede Anci. E’ una svolta di grandissimo impatto per Reggio Calabria, perché finalmente si ha la consapevolezza che un’infrastruttura come questa non è importante solo in chiave locale, per la città e il Mezzogiorno, ma è destinata a incidere positivamente sull’intero sistema Paese. Una struttura che è già museo di se stessa e che ospiterà al suo interno bar, ristoranti, un acquario, una mostra permanente e una mostra itinerante. E sarà davvero punto di svolta – ha poi concluso il Sindaco di Reggio Calabria – perché consentirà alla nostra città di affacciarsi con slancio e nuove prospettive sul Mediterraneo e diventare snodo cruciale da un punto di vista culturale, turistico e attrattivo”.

Di giornata fondamentale, ha infine parlato l’assessore Muraca, evidenziando l’importanza “di un percorso che punta sulla condivisione delle scelte strategiche e degli indirizzi operativi. L’amministrazione, in questo senso, ha già avviato una prima preliminare fase di ascolto degli attori sociali e degli interlocutori del mondo produttivo coinvolti nello sviluppo di questa grande opera. Auspichiamo ora che l’intero cronoprogramma possa svolgersi in modo proficuo e spedito”.

Viaggio all’interno del Museo del Mare di Reggio Calabria: tutto quello che c’è da sapere, dalla forma a stella marina all’affascinante acquario

Il Museo del Mare di Reggio Calabria come il Guggenheim di Bilbao: in che modo quest’opera ha cambiato il volto della città spagnola

Museo del Mediterraneo, un’opera da (a)mare: come può cambiare il volto di Reggio Calabria. Gli scenari futuri e le tempistiche