fbpx

Elezioni Regionali Calabria, Irto (Pd): “Sì alle primarie. Chi non le vuole è contro la partecipazione”

irto calabria Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Elezioni Regionali, Irto (Pd): “Sì alle primarie. Chi non le vuole è contro la partecipazione. Alla Calabria servono persone coraggiose”

“Sì alle primarie in Calabria. Sì a un grande momento di partecipazione e di democrazia, che darà al PD e a tutte le forze riformiste, che si oppongono alle destre, la spinta decisiva per dare ai calabresi un governo di cambiamento”. Nicola Irto, candidato democrat alla presidenza della Regione, accoglie favorevolmente la proposta lanciata questa mattina in un’intervista al Corriere della Sera dalla sottosegretaria Dalila Nesci. “Sono da sempre a favore delle primarie e della partecipazione democratica dei cittadini alle scelte politiche. Per questo auspico che tutti i possibili candidati dell’area che non vuole lasciare la Calabria a un governo di destra prendano parte alle primarie”. Irto sottolinea la necessità di “condividere con tutte le forze riformiste e progressiste, che vogliono dare speranza vera alla Calabria, un percorso e soprattutto un metodo: primarie all’insegna della trasparenza, della legalità e della correttezza, per dare pari opportunità di confronto e voce a tutti i movimenti e ai rappresentanti del civismo che vogliono impegnarsi per la nostra regione”. A qualcuno che critica questa impostazione, Irto replica: “Chi non vuole le primarie ha paura. Paura di misurarsi democraticamente. Paura di confrontarsi con gli altri. Alla Calabria serve invece chi ha il coraggio di mettersi in discussione. Occorre un ragionamento serio sul futuro e proprio le primarie – conclude Nicola Irto – sono l’occasione giusta per una sintesi non solo sui nomi ma soprattutto sui contenuti. Le primarie non durano un giorno, cominciano molto prima, per dare al nostro elettorato l’opportunità di scegliere tra idee, programmi e progetti diversi ma non alternativi. Anche per questo, sono necessarie e preziose per la nostra democrazia”.