fbpx

Ponte sullo Stretto, Arditti (Il Tempo): “l’Italia ci pensa ancora, ma nel mondo costruiscono ovunque”

ponte sullo stretto di messina con funi stabilizzanti

Le considerazioni di Roberto Arditti sul Ponte sullo Stretto di Messina

Il Ponte sullo Stretto si deve fare. E’ questa l’opinione di Roberto Arditti, noto giornalista italiano, già direttore del quotidiano Il Tempo. Di seguito il suo pensiero: “Il dibattito va avanti da anni. Nel cercare qualche elemento di discussione del tema, ho scoperto che molti secoli addietro il Ponte era stato anche fatto. L’esercito romano di Plino il Vecchio aveva sequestrato ai nemici 140 elefanti e per permettergli di attraversare le acque dello Stretto costruirono un ponte utilizzando botti e altri strumenti di legno. Quello fu l’unica occasione in cui la Sicilia è stata unita al Continente. Oggi è stato realizzato il PNRR, ma il Ponte sullo Stretto di Messina non è tra le opere strategiche. Sarebbe l’opera perfetta di un’Italia che passa dalle parole ai fatti, gli scatti farebbero il giro del mondo. Secondo i sondaggi, dal consenso popolare si evince che la gente vuole il Ponte. Solo il 32% non vuole la realizzazione. Mentre noi ragioniamo se costruirlo o meno, dal Giappone alle Filippine, in giro per il mondo, per esempio esiste un ponte tra la Danimarca e la Svezia, ovunque queste infrastrutture rappresentano un grosso passo tecnologico in avanti. Spesso sono stati fatti dibattiti inutili, c’è il pericolo che la gente pensi che questo non sia un argomento serio”.