fbpx

Coronavirus, l’indice Rt della Calabria scende ancora: adesso è il più basso d’Italia. Lunedì scatta la “zona gialla”

Coronavirus, l’indice Rt della Calabria è il più basso d’Italia

La Calabria si appresta a ritornare finalmente in zona gialla, per la prima volta dal 14 marzo, quando la “zona gialla” era stata abolita in vista delle festività pasquali. Da quel momento la Calabria è rimasta sempre, per quasi due mesi, in arancione o in rosso. Adesso si attende l’ordinanza ufficiale del Ministro Speranza che nel pomeriggio, con ogni probabilità, decreterà il passaggio in “zona gialla” di Calabria, Sardegna, Puglia e Basilicata da lunedì 10 maggio. Le uniche Regioni in “zona arancione” dovrebbero rimanere Sicilia e Valle d’Aosta.

Stamattina nella bozza del monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute ha certificato che l’indice Rt della Calabria è sceso ancora, è di 0.74 ed è il più basso d’Italia. Negli ultimi giorni è sensibilmente diminuito anche il numero dei ricoverati mentre già da due settimane la curva epidemiologica, quella dei nuovi casi positivi giornalieri, è in picchiata. La situazione sta migliorando giorno dopo giorno e il passaggio in zona gialla, che significa libertà di circolazione fuori dal proprio comune e anche nelle altre Regioni gialle senza alcun pass nè autocerificazione, apertura dei locali della ristorazione con i clienti ai tavoli all’aperto fino alle 22, riapertura dei campi di calcetto e della pratica degli sport di contatto.