fbpx

Superlega, niente sanzioni UEFA verso le 12 ribelli: ma fra le sedi di Euro 2020 c’è una ‘vendetta’ su Manchester

Foto di Angel Diaz / Epa / Ansa

L’UEFA non applicherà sanzioni alle 12 squadre che avevano formato la Superlega: ma fra le nuove sedi di Euro 2020 c’è una vendetta su Manchester

“Il Comitato Esecutivo UEFA è stato aggiornato sugli ultimi sviluppi della cosiddetta Superlega, comprese le opzioni a disposizione della UEFA e i passi che sta considerando di fare in futuro”.​ Si è concluso con questo comunicato il Comutato Esecutivo UEFA riunitosi quest’oggi a Montreaux. Argomento del giorno, ovviamente, le sorti delle squadre che hanno tentato la ‘rivoluzione’ formando la Superlega. Per ora l’UEFA ha scelto di non applicare sanzioni ai club dissidenti, sui quali pendeva la possibile esclusione dalle coppe (Real Madrid, Manchester City e Chelsea dalla Champions League, Manchester United dall’Europa League).

Euro 2020, fra le nuove sedi la ‘vendetta’ contro Manchester?

“Abbiamo lavorato in maniera diligente con le federazioni e le autorità locali dei vari Paesi, per garantire un ambiente sicuro e di festa in occasione delle partite e sono davvero felice che potremo riaccogliere gli spettatori in occasione di tutte le partite per celebrare il calcio nazionale nel continente”.​ Aleksander Ceferin si è espresso così nel discorso riguardante le nuove sedi di Euro 2020, competizione itinerante con la presenza di pubblico negli stadi. Bilbao non saràsede degli Europei, ma al suo posto ci sarà Siviglia. Anche Dublino si è chiamata fuori, ma le gare che avrebbe dovuto ospitare non andranno all’Inghilterra che si aspettava di accoglierle raddoppiando gli eventi con Manchester. Probabile che, vista la vicenda Superlega, l’UEFA abbia preferito non premiare l’Inghilterra offrendo più gare a San Pietroburgo.

Riassumendo:

  • Le 4 partite programmate a Bilbao (3 gare del gruppo E e un ottavo di finale) si giocheranno all’Estadio La Cartuja di Siviglia, con accesso spettatori al 30% della capienza dello stadio
  • Le 3 partite del Gruppo E previste a Dublino si spostano a San Pietroburgo, dove già erano previste 3 gare del Gruppo B e un quarto di finale.
  • L’ottavo di finale programmato a Dublino viene spostato a Londra (stadio di Wembley)