fbpx

Sanità in Calabria, storia di eccellenza a Polistena. Il direttore Luigi Longo: “grazie Dott. Enzo Amodeo per avermi salvato la vita”

longo amodeo polistena sanità

“Basta con questi viaggi della speranza, basta con queste situazioni di guerra all’interno degli ospedali. Diamo la Sanità nelle mani di gente capace e il Dott. Enzo Amodeo ne è un esempio”: la testimonianza del direttore Luigi Longo che ringrazia il Primario di Polistena per avergli salvato la vita

“Vorrei ringraziare il dott. Enzo Amodeo per avermi salvato la vita. E’ una persona che merita il rispetto di tutti quanti noi”. Ad affermarlo in un video pubblicato sul web Luigi Longo, direttore del giornale Approdo Calabria. Il giornalista ha accusato una particolare patologia cardiaca, è stato sottoposto ad una delicata operazione chirurgica eseguita dallo stesso primario del reparto di Cardiologia dell’Ospedale di Polistena“Sono stati due mesi difficili che hanno cambiato la mia vita, a partire dal 1° febbraio quando ho avvertito dolori fortissimi alle gambe. Il primario mi ha ricevuto per una visita, ha letto il mio ecocardiogramma, poi il tampone e il conseguente ricovero a Catanzaro per gli accertamenti sotto le cure del prof. Indolfi. Non avuto dubbi, ho scelto di farmi operare dal dott. Amodeo. L’operazione è riuscita perfettamente”, ha testimoniato Luigi Longo.

E’ la bellissima storia di una sanità che può funzionare in Calabria, la Calabria quella vera e fatta di gente onesta e preparata. “A Polistena e nella Piana di Gioia Tauro è l’esempio che ci sono eccellenze. Basta con questi viaggi della speranza, basta con queste situazioni di guerra all’interno degli ospedali. Diamo la Sanità nelle mani di gente capace! Spero che il dott. Amodeo possa rimanere nella nostra terra per ancora tanto tempo e possa realizzare il sogno dell’emodinamica. Non capisco perché i cittadini della Piana devono essere considerati di serie b. Bisogna dare una svolta e affidare le strutture sanitarie a persone competenti che possono diventare un punto di riferimenti per la popolazione”, conclude il direttore Longo.