fbpx

Riaperture ristoranti di sera, bozza accordo Regioni-Governo. Giorgetti “decisione probabile in Cdm prossima settimana”

Ristorante sera Foto di Fabio Frustaci / Ansa

Aprire i ristoranti anche a cena, ipotesi contenuta nella bozza che le Regioni sottoporranno al Governo. Decisione in Cdm la prossima settimana

La decisione sulle riaperture sarà presa probabilmente la prossima settimana dal Consiglio dei ministri“. Si è espresso così Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico, durante l’incontro al Mise con i rappresentanti di Fipe-Confcommercio, ricevuti dopo l’assemblea straordinaria organizzata in piazza San Silvestro a Roma in collegamento con 21 piazze d’Italia. Giorgetti ha sottolineato come non sia ancora possibile indicare una data certa per le riaperture, ma secondo il trend emerso dagli ultimi dati sulla situazione pandemica “presumibilmente maggio sarà un mese di riaperture“.

Secondo quanto fa sapere l’Ansa, si sta lavorando alla riapertura di ristoranti a pranzo e a cena, sfruttando gli spazi all’aperto. Ipotesi contenuta nella bozza delle linee guida sulle riaperutre che le Regioni sottoporranno giovedì al Governo alla Conferenza Stato-Regioni e che confermano le misure di protezione già in atto. Secondo il documento – che aggiorna le linee allegate al Dpcm di marzo, tali indicazioni dovranno essere compatibili col miglioramento dei dati, anche alla luce di una revisione dei parametri di valutazione. È prevista anche una regolazione della ripartenza di palestre, cinema, teatri e musei.

Un gruppo di coordinamento delle Regioni sta lavorando anche ad una proposta per la revisione o aggiornamento dei parametri sulla valutazione del rischio epidemiologico attualmente in vigore. Tra le ipotesi c’è quella di inserire, tra i parametri, il numero di somministrazioni effettuate nelle singole Regioni. La prima bozza potrebbe essere presentata giovedì al Governo insieme alle linee guida sulla riapertura di attività economiche, condizionate proprio al miglioramento dei dati e alla luce di una revisione dei parametri.

Il Presidente Consiglio Mario Draghiè il primo che dice ‘riapriamo’. Ma non dobbiamo riaprire per avere qualche voto in più, dobbiamo riaprire in sicurezza senza poi essere costretti a richiudere“, ha dichiarato Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari Regionali, a TgCom 24, ribadendo che non “dobbiamo farci prendere da un eccesso di fretta” anche se le riaperture vanno fatte “nel più breve tempo possibile“. Maggio, ha aggiunto, “sarà il mese delle riaperture di tutte le attività economiche“.