fbpx

Reggio Calabria, Michelangelo Tripodi: “no a processi politici, solidarietà a Mimmo Lucano”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria, Tripodi: “la vicenda giudiziaria di cui è vittima Mimmo Lucano rappresenta emblematicamente la violenza del potere delle classi dominanti che vuole in tutti i modi annientare una voce fuori dal coro come quella di Mimmo Lucano e un’esperienza straordinaria di solidarietà, di accoglienza, di progresso di un paese come Riace”

“Troppo spesso la giustizia italiana diventa uno strumento del potere utilizzato in modo prepotente ed arrogante per colpire e opprimere i più deboli e i diseredati. La vicenda giudiziaria di cui è vittima Mimmo Lucano rappresenta emblematicamente la violenza del potere delle classi dominanti che vuole in tutti i modi annientare una voce fuori dal coro come quella di Mimmo Lucano e un’esperienza straordinaria di solidarietà, di accoglienza, di progresso di un paese come Riace. Questo disegno cinico e spietato, nei giorni scorsi nel corso del processo XENIA, ha avuto un ulteriore salto di qualità, quando il Pubblico Ministero dott. Michele Permunian è giunto perfino a chiedere di acquisire agli atti un’intervista di alcune settimane fa in cui Mimmo Lucano annunciava la sua candidatura alle prossime regionali con la lista Calabria Resistente e Solidale“. E’ quanto scrive in una nota Michelangelo Tripodi del Movimento per la Rinascita del P.C.I. e l’Unità dei Comunisti. “La richiesta è stata rigettata dal presidente del tribunale Fulvio Accurso. Rimane tuttavia l’inaudita gravità della richiesta del PM che ha assunto un’iniziativa dal sapore intimidatorio che interviene direttamente sulla sfera dei diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione a qualsiasi cittadino. Siamo di fronte al tentativo di trasformare un processo penale in un processo politico farsa nel quale non si contestano i reati eventualmente commessi, ma si vogliono mettere sotto accusa le idee e le battaglie politiche di Mimmo Lucano e il suo impegno per la giustizia sociale e l’uguaglianza. Respingiamo con fermezza questa deriva della giustizia. Per questo a nome mio personale del Movimento per la Rinascita del P.C.I. e l’Unità dei Comunisti esprimo la più totale vicinanza e piena solidarietà a Mimmo Lucano, ancora una volta bersaglio di un attacco che va respinto con la massima determinazione. Ritengo che occorra trovare il modo nei prossimi giorni per esprimere in modo forte ed unitario la protesta della Calabria Resistente e Solidale. I Comunisti saranno in ogni caso al fianco delle battaglie e delle lotte che Mimmo Lucano, sono certo, continuerà a portare avanti”, conclude la nota.