fbpx

Reggio Calabria, il Presidente Marra: “la petizione su rifiuti e Tari non rispetta il Regolamento”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria, il Presidente Marra: “la petizione su rifiuti e Tari non rispetta il Regolamento. Favorevole ad ogni forma di partecipazione popolare, ma è doveroso specificare la prassi regolamentare del Comune”

“Atteso che sono un convinto sostenitore della democrazia dal basso, e accolgo di buon grado ogni iniziativa che volge nella direzione della partecipazione popolare, è doveroso specificare la prassi regolamentare del Comune”, con queste parole il Presidente del Consiglio Comunale di Reggio Calabria, Vincenzo Marra ha voluto offrire chiarimenti ad alcuni cittadini, la cui petizione presentata relativa alla raccolta rifiuti ed alla Tari, ha dei connotati inequivocabili di inammissibilità Marra, specifica come “la petizione sia da considerare inammissibile in quanto non conforme all’articolo 19, comma 3, del vigente Regolamento comunale per l’attuazione degli istituti di partecipazione popolare approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.95 del 2016”. “Le firme dei sottoscrittori – spiega – devono, infatti, essere apposte su fogli, vidimati prima del loro uso da parte del Segretario generale, di dimensione uguale a quella della carta bollata e recante, nella parte superiore di ciascuno, la dicitura “Petizione popolare al Consiglio comunale per sollecitare l’intervento in ordine…” completata dal titolo della petizione scelto dai proponenti”. “La presidenza del Consiglio comunale – conclude Marra – resta sempre aperta al confronto con i cittadini; disponibile ad accogliere ogni istanza nel solco della fiducia sin qui tracciato all’interno della comunità. Ritengo fondamentale, in infatti, la collaborazione tra le istituzioni ed i cittadini nei processi decisionali effettivamente connessi alle esigenze e necessità della popolazione”.

Reggio Calabria, Surace e Spinola: “Petizione TARI e rifiuti, si rispetti la volontà dei cittadini”