fbpx

Reggio Calabria, il consigliere Sera sul Museo del Mare: “Contenti della disponibilità del Governo, quest’opera mira a riqualificare Waterfront urbano”

Waterfront Museo del Mare Zaha Hadid

Le parole del consigliere comunale di Reggio Calabria Giuseppe Sera in merito alla presenza del Museo del Mare di Zaha Hadid tra le opere inserite nel Pnrr

“Abbiamo accettato la grande sfida politico-amministrativa che ci si presentava davanti con grande responsabilità, coscienti del fatto che bisognava ridare credibilità alla classe dirigente della nostra città. Abbiamo, in questi anni, seminato e coltivato semi di speranza per arrivare a raccogliere frutti di certezze, per il futuro dei nostri cittadini”. Sono le parole del consigliere comunale di Reggio Calabria Giuseppe Sera in merito al finanziamento da parte del governo per la realizzazione del Museo del Mare di Zaha Hadid.

“Come non citare – ha aggiunto – i cospicui finanziamenti dei Patti per il Sud o il Decreto agosto, per citarne alcuni, ed oggi salutiamo con rinnovato entusiasmo la decisione del governo nazionale ed in particolare la grande disponibilità del Ministro Dario Franceschini, che hanno reso possibile inserire nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) del Museo del Mediterraneo. Prende corpo, infatti, la realizzazione del ‘Museo del Mare’ progettato dall’archistar Zaha Hadid, magnifica opera incastonata all’interno dell’area portuale della Città di Reggio Calabria, a pochissimi metri dal centro cittadino e dall’area del Lungomare. L’area di progetto ubicata lungo la fascia litoranea compresa tra la Foce del Torrente Annunziata e il Molo di Ponente, è di competenza di Autorità di sistema portuale, che grazie al recente Protocollo d’intesa condiviso con l’Amministrazione comunale, l’ha messa a disposizione per consentire il completamento degli interventi di riqualificazione del lungomare di Reggio Calabria”.

“Ci siamo detti – ha ribadito – che il nostro mare dovrà essere uno degli elementi fondanti della strategia di riqualificazione da prevedere all’interno degli strumenti urbanistici in maniera integrata sia con gli strumenti della pianificazione della mobilità, sia con quelli della programmazione. La reale sfida dei processi di rigenerazione del nostro litorale consiste, nella capacità di realizzare luoghi effettivamente fruibili, luoghi di incontro, luoghi di cultura, luoghi di condivisione, ed è in quest’ottica – ha concluso Sera – che l’amministrazione cittadina guidata dal tenace Giuseppe Falcomatà con questo investimento mira a completare il bellissimo Waterfront urbano”.