fbpx

Reggio Calabria, l’emozione del ritorno a scuola. Il Liceo da Vinci riapre dopo 5 mesi per la gioia di alunni e professori [FOTO E VIDEO INTERVISTE]

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Con il passaggio della Calabria in zona arancione, anche a Reggio molti alunni sono finalmente tornati in classe. Le immagini e le testimonianze dal Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci

Suona la campanella, che gioia! E chi lo avrebbe mai detto. Stamattina 6,6 milioni di studenti (su un totale di 8,5 milioni) di bambini e ragazzi delle scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado tornano a scuola. Con il passaggio in zona arancione, anche a Reggio Calabria molti allievi hanno finalmente potuto riprendere posto tra i propri banchi. Per le classi superiori è ancora valida la consueta alternanza del 50%, una parte di alunni però ha assistito alle lezioni in presenza dopo quasi cinque mesi dall’ultima volta. L’emozione si percepisce chiara ovviamente dai volti dei ragazzi del Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci, ma anche in quelli dei professori: “è bellissimo vedere dietro le mascherine i loro sorrisi”, racconta con gli occhi lucidi la professoressa Francesca Pratico. Anche per la docente Ivana Malara è vivo un forte contrasto di emozioni: “da un lato domina il timore e la prudenza, dall’altro invece l’entusiasmo del ritorno a scuola. La speranza è che questo giorno possa essere visto come un atto simbolico della ripartenza generale per tutte le attività commerciali e non sia soltanto l’ennesimo stop and go a cui ormai ci stiamo abituando. L’esperienza in Dad ha prodotto risultati positivi per certi aspetti, ma il contatto diretto tra studenti e insegnanti è tutto un altro discorso. “La sensazione è quella di aver ritrovato la normalità, sono felice di rivedere i miei compagni dopo tanti mesi di distanza. Spero tutto si possa risolvere per il meglio, anche se non nascondo che sento sempre un po’ di paura”, ha affermato Gabriella Vazzana.

La pandemia del Coronavirus ha cambiato le abitudini dei ragazzi e ha sicuramente influenzato molto il loro pensiero, il modo di comportarsi, generando un po’ di timore. Come però è testimoniato dalle immagini a corredo dell’articolo, andare a scuola in sicurezza è possibile: la distanza interpersonale di almeno un metro tra gli alunni, con gli spazi dei banchi contrassegnati dalle linee divisorie e il corretto uso della mascherina fanno in modo che i rischi siano davvero minimi. “E’ stata una giornata emozionante – commenta la preside Giusi Princi , fa piacere leggere negli studenti la gioia di poter rivedere i propri compagni e docenti, provati dopo tanti mesi di isolamento sociale. Respiriamo però ancora tanto disorientamento, l’ordinanza regionale demanda nuovamente alle famiglie la possibilità di adottare la didattica digitale. E’ una decisione divisiva, che crea disparità, la prova di una politica incapace di assumersi le responsabilità, demandando le scelte alle istituzioni scolastiche. Avremmo avuto bisogno di maggiore serenità. Ripongo tanta fiducia nella campagna vaccinale, spero possa raggiungere livelli importanti così da permettere anche ai ragazzi di ritrovare la quotidianità legata ad una scuola in presenza e alle relazioni sociali interpersonali”.

Reggio Calabria, la preside Giusi Princi: “emozionati per il ritorno a scuola, ma ancora troppo disorientamento” [VIDEO]

Reggio Calabria, al Liceo Vinci si torna in classe. La prof. Praticò: “l’emozione dei ragazzi si legge negli occhi” [VIDEO]

Ritorno in classe, prof. Malara: “contrasto di emozioni tra prudenza e gioia” [VIDEO]

Reggio Calabria, il ritorno in classe di Gabriella Vazzana: “è come ritrovare la normalità dopo cinque mesi” [VIDEO]