fbpx

Reggio Calabria, commercianti incontrano Cannizzaro e Irto al Palazzo Campanella: “zona rossa ingiusta, Spirlì solleciti al Governo le riaperture”

Irto reggio calabria

Reggio Calabria, i negozianti chiedono risposte concrete alla Regione: la zona rossa ha imposto la chiusura delle attività, ingiustamente secondo gli imprenditori

“La classe politica si è disinteressata della nostra categoria, siamo venuti in Consiglio Regionale perché è un modo per avere un contatto con le istituzioni, pretendiamo risposte concrete”. E’ questo il messaggio che i commercianti hanno rivolto questa mattina al Consigliere Regionale Nicola Irto e al senatore Francesco Cannizzaro. L’appuntamento è avvenuto intorno alle ore 11 presso il Palazzo Campanella di Reggio Calabria, dove si sono ritrovate una trentina di titolari di negozi e gioiellerie. I commercianti chiedono che il Consigliere possa trasmettere il messaggio alla Giunta del presidente Nino Spirlì“la zona rossa è ingiusta, le misure vanno prese su base provinciale. La situazione nella nostra città non è grave come è invece a Cosenza, impossibile che il Governo non se ne accorga. La Regione trasmetta i dati e faccia presente questi aspetti, non siamo noi gli untori. Le restrizioni non devono valere soltanto per tre categorie di commercianti, ce ne freghiamo dei ristori”. Tra i presenti anche Lillo Foti e Sasha Sorgonà, presidente di Giovani Confcommercio. Sia il rappresentante locale che il parlamentare hanno garantito il loro impegno nelle opportune sedi affinché lo Stato italiano possa ragionare sulle riaperture e stilare un protocollo definitivo di sicurezza che permetta ai negozianti di lavorare e ricevere in presenza la propria clientela.

Calabria, Spirlì: “In viaggio verso Roma per chiedere al Governo la fine delle chiusure”

Reggio Ripartiamo, Sorgonà: “Imprenditori allo stremo, servono risposte immediate”

Martedi 6 aprile si è tenuta l’iniziativa ‘Reggio Ripartiamo’, manifestazione che ha visto la partecipazione di una folta delegazione di imprenditori e commercianti reggini. L’evento, organizzato da Sasha Sorgonà, Remo Frisina e Paolo De Stefano, si è tenuto presso la Chiesa di San Giorgio al Corso. “E’ un’aggregazione che nasce spontanea nata dalle esigenze dei commercianti che potrebbero aprire rispettando tutte le misure di sicurezza – spiega Sasha Sorgonà – . I ristori non bastano neanche per coprire le spese. E’ un gruppo spontaneo che nasce senza sigle sindacali, continueremo a lottare per il futuro della nostra città. La situazione è diventata oramai insostenibile, imprenditori e commercianti reggini sono allo stremo, servono risposte concrete e immediate. L’iniziativa nasce proprio per stimolare le istituzioni, soprattutto Regione Calabria e Governo, a soccorrere un settore in estrema sofferenza”.
La delegazione di commercianti reggini, dopo essersi data appuntamento presso la Chiesa di San Giorgio al Corso, si è spostata presso Palazzo Campanella per avere un confronto con alcuni esponenti politici. Prima si è tenuto un confronto con Nicola Irto, ex Presidente del Consiglio Regionale della Calabria, successivamente la delegazione si è spostata presso la segreteria del coordinamento provinciale di Forza Italia, dove c’è stato un incontro con l’On. Francesco Cannizzaro.

Irto e Cannizzaro, dopo aver garantito il sostegno nei confronti degli imprenditori reggini, hanno dichiarato che si faranno portavoce delle istanze del territorio, alle prese con un momento storico di enormi difficoltà sul piano economico. Sorgonà, dopo aver ascoltato le parole dei due esponenti politici reggini, ha chiesto a nome delle delegazione di poter avere riscontri a stretto giro di posta: “gli imprenditori reggini non possono più aspettare, è arrivato il momento di dare loro risposte concreti, ovvero ristori economici e la possibilità di riaprire le attività, ovviamente nel massimo rispetto di tutte le misure di precauzione. Per questa ragione la settimana prossima chiederemo nuovamente un incontro alle istituzioni politiche, con la speranza che nel frattempo è stato fatto qualcosa in favore degli imprenditori della nostra città”.