fbpx

Rally di Sanremo, le performance di Aci Team Italia

  • Foto di Buraglio Fabrizio
    Foto di Buraglio Fabrizio
  • Foto di Buraglio Fabrizio
    Foto di Buraglio Fabrizio
  • Foto di Buraglio Fabrizio
    Foto di Buraglio Fabrizio
  • Foto di Buraglio Fabrizio
    Foto di Buraglio Fabrizio
/

Rally di Sanremo: un traguardo per Alessio Profeta e Sergio Raccuia, Marco Pollara e Daniele Mangiarotti concludono sottotono

Si è concluso con un traguardo il Rally di Sanremo, secondo appuntamento stagionale del campionato italiano rally Sparco, per Alessio Profeta e Sergio Raccuia. La gara corsa in Liguria è stata caratterizzata dal clima impervio, che anche in questa edizione ha caratterizzato la riuscita. Per l’equipaggio di Aci Team Italia, portacolori della scuderia Island Motorsport, si è trattato di una gara altalenante.

“Siamo riusciti a portare all’arrivo la nostra Skoda Fabia R5 Evo – ha commentato con un sorriso amaro il pilota della selezione di Aci Team Italia Alessio Profeta-. La nostra prima gara a bordo della nuova Skoda Fabia R5 Evo del Team PrOli, è stata più complessa del previsto. Il Rally di Sanremo, con il suo meteo imprevedibile, si è confermato un rally tutto da scoprire, anche quest’anno. La scorsa stagione, il rally, dopo mille vicissitudini non si realizzò per il meteo e l’acqua che avevano devastato le strade interessate dalle prove. Quest’anno abbiamo ritrovato una forte pioggia, che ha reso le strade le strade molto scivolose. La vettura ha risposto in modo perfetto, siamo stati noi a non riuscire da subito un ottimo passo. Una volta compromessa la gara, abbiamo preferito tirare i remi in barca per trovare il traguardo di giornata. Peccato, perché al Ciocco avevamo dimostrato di aver un ottimo passo, al pari dei primi. Adesso preferisco concentrarmi sul nostro prossimo appuntamento, che ci vedrà in Sicilia tra le prove di casa”.

“Abbiamo conquistato il traguardo e non è stato semplice,- ha commentato il navigatore Sergio Raccuia-. Ancora una volta il Rally di Sanremo dimostra di essere una gara molto complessa da riuscire ad interpretare. Peccato perché al Ciocco ci eravamo messi subito in mostra con tempi di rilievo, ma una gara no ci può stare. Per la Targa, speriamo di ritrovare quelle condizioni climatiche familiari, con un fondo che conosciamo molto bene. Lo scorso anno abbiamo detto la nostra in patria, contiamo di far bene anche quest’anno”.

Continua ad essere invece un inizio di stagione burrascoso per Marco Pollara e Daniele Mangiarotti, che al Rally di Sanremo non sono riusciti ad esprimersi al meglio, nella seconda gara del Campionato Italiano Rally Sparco. L’equipaggio di Aci Team Italia nella gara Ligure non è riuscito ad esprimersi al meglio, complice le condizioni meteo altalenanti, che hanno reso la gara più complessa del solito.

Impeccabile la Citroen C3 R5 del Team PRT di Daniele Pellegrineschi, curata in assistenza anche da team G.Car e le coperture Pirelli. Continua il supportato fondamentale della Scuderia Movisport e l’appoggio di Luca Costantino.

“È stato un weekend di gara molto complesso – ha commentato il pilota di Aci Team Italia Marco Pollara-. Voglio scusarmi con il mio Team PRT e con Aci Team Italia per la mia prestazione sottotono, non all’altezza della posizione che ricopro. Purtroppo la gara non è andata per come erano le nostre aspettative, non siamo riusciti ad interpretare al meglio le prove del rally. I test effettuati in settimana su asciutto non ci hanno aiutato, ma adesso abbiamo voglia di pensare alla prossima gara e metterci quanto prima alle spalle questo risultato. Non escludo di effettuare qualche altro test o gara spot prima del prossimo appuntamento di stagione che si correrà tra le strade di casa. La Targa è stata una gara a se lo scorso anno e le prove sono rimaste invariate, se non per la prova spettacolo. Ho voglia di mettermi alle spalle questo inizio di stagione negativo e svoltare. Abbiamo analizzato gli intertempi e stiamo analizzando cameracar e telemetria, per capire quali errori sono stati commessi e cambiare passo quanto prima”.

“Abbiamo archiviato una gara negativa e difficile– ha commentato il navigatore Daniele Mangiarotti-. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno, quanto meno siamo riusciti a fare chilometri importanti, in vista del prossimo appuntamento. È chiaro che non siamo soddisfatti della nostra prestazione, non era la gara che ci aspettavamo. La nostra scelta di gomme è stata in linea con i nostri competitor, quindi siamo riusciti ad adottare la giusta strategia, ma è mancato altro”.

Marco Pollara e Daniele Mangiarotti dopo la trasferta ligure, programmano gli allenamenti in vista della prossima gara, che non sarà necessariamente quella di casa, potrebbe arrivare una gara spot prima della Targa Florio.