fbpx

Problemi Dazn, indennizzi agli abbonati e poi l’accusa: “disservizio di Comcast”, è una società di Sky

Foto di Daniel Dal Zennaro / Ansa

Dazn si scusa per il disservizio del pomeriggio di ieri, promette indennizzi agli abbonati e poi attacca: problemi causati da Comcast, società di Sky

Nel pomeriggio di ieri gli utenti di Dazn hanno lamentato parecchi disservizi. Chi era interessato a guardare la partita Reggina-Vicenza (così come gli altri eventi) è rimasto con l’amaro in bocca, dovendo ridursi a radiolina e/o aggiornamento dei tabellini dei siti per informarsi sul rotondo successo degli amaranto. La piattaforma di streaming, una volta risolti i problemi, ha rilasciato una nota all’Ansa commentando quanto accaduto: “come comunicato in precedenza, stiamo indagando il problema originato dal nostro partner Comcast Technology Solutions (CTS), che ha avuto un impatto su Dazn e su altri broadcaster europei. Siamo molto amareggiati per quanto accaduto oggi sulla nostra piattaforma. Siamo assolutamente consapevoli della grande responsabilità che abbiamo nei confronti di tutti i tifosi e dell’intero mondo dello sport“.

Il partner in questione, Comcast Tecnology Solutions (CTS), come sottolinea ‘Calcio e Finanza’, è una società del gruppo Comcast alla quale fa capo anche il controllo di Sky. I più maliziosi hanno subito pensato ad uno scherzetto del competitor arrivato poco dopo l’ottenimento di Dazn dei pacchetti 1 e 3 che gli consentiranno, dal 2021 al 2023, di avere 7 gare di Serie A in esclusiva e 3 in co-esclusiva. Dazn voluto sottolineare l’erogazione di indennizzi, entro breve, ai clienti che hanno denunciato disservizi: “malgrado il problema si sia ora risolto consapevoli dell’effetto che questa situazione ha avuto soprattutto sui tifosi, offriremo opportuni indennizzi, che saranno comunicati nei prossimi giorni, a coloro che hanno riscontrato anomalie durante le partite del pomeriggio“.

Diritti Tv Serie A, cosa cambia con Dazn? Costo dell’abbonamento, decoder e connessione