fbpx

Oscar 2021, trionfa “Nomadland”! L’Italia resta a mani vuote: tutti i vincitori

Foto di Chris Pizzello / Ansa

Oscar 2021, tutti i vincitori della serata: “Nomadland” miglior film, a Frances McDormand il premio di migliore attrice. Italia senza statuette

Nomadland” trionfa alla notte degli Oscar 2021. Il film diretto da Chloè Zhao si aggiudica due fra i premi più importanti della 93ª edizione della cerimonia: quello di miglior regia e quello per la migliore attrice. Chloè Zhao diventa la seconda donna della storia, nonchè la prima asiatica a vincere il premio. La protagonista Frances McDormand si aggiudica la terza statuatte della sua carriera dopo “Fargo” e “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”. “Nomadland” racconta la storia dei nomadi moderni, quelle persone, come la protagonista Fern, costrette a cambiare vita a causa delle difficoltà economiche del nostro tempo (nel film la grande recessione 2007-2013). La donna si ritrova a viaggiare, come una nomade, per gli Stati Uniti incontrando persone in difficoltà come lei.

La statuetta come miglior attore protagonista, a sorpresa, se la aggiudica Anthony Hopkins con il film “The Father”. L’attore 83enne aveva vinto un altro Oscar nel 1992 per “Il silenzio degli innocenti”. Altra sorpresa nell’assegnazione del premio come miglior attrice non protagonista, andato alla sudcoreana Yuh-Jung Youn per il film “Minari”. Glenn Close resta ancora a mani vuote aggiornando il suo record di 8 canditature e zero Premi Oscar. L’Oscar come miglior attore non protagonista viene assegnata a Daniel Kaluuya, interprete di Fred Hampton in “Judas and the Black Messiah”, pellicola che racconta la storia del leader delle Pantere nere ucciso dall’FBI. Amaro in bocca per “Mank” che, a fronte di 10 nomination, ottiene solo i riconoscimenti alla miglior scenografia e miglior sceneggiatura.

Il miglior film straniero va alla pellicola danese “Un altro giro” di Thomas Viterberg. “Volevamo fare un film che celebrasse la vita“, la dichiarazione del regista che, con la voce rotta dal pianto, dedica il premio alla figlia morta a 19 anni in un incidente d’auto in Africa, 4 giorni dopo aver scoperto dal padre di essere stata scelta per il film. L’Italia resta a mani vuote. Le candidature per il miglior trucco e migliori costumi per “Pinocchio” e quella per la miglior canzone con Laura Pausini “Io sì / Seen” (“La vita davanti a sè”) non hanno portato alla tanto agognata statuetta.

Oscar 2021, tutti i vincitori:

  • Miglior film: “Nomadland”
  • Miglior attore protagonista: Anthony Hopkins (“The Father”)
  • Miglior attrice protagonista: Frances McDormand (“Nomadland”)
  • Miglior regia: Chloé Zhao per “Nomadland”
  • Miglior attore non protagonista: Daniel Kaluuya (“Judas and the Black Messiah”)
  • Miglior attrice non protagonista: Youn Yuh-jung (“Minari”)
  • Miglior sceneggiatura originale: Emerald Fennell per “Una donna promettente”
  • Miglior sceneggiatura non originale: Christopher Hampton e Florian Zeller per “The father”
  • Miglior film straniero: “Un altro giro” di Thomas Vinterberg (Danimarca)
  • Miglior trucco: Sergio Lopez-River, Mia Neal e Jamika Wilson per “Ma Rainey’s Black Bottom”
  • Migliori costumi: Ann Roth per “Ma Rainey’s Black Bottom”
  • Miglior sonoro: Nicolas Becker, Jaime Baksht, Michelle Couttolenc, Carlos Cortés and Phillip Bladh per “Sound of metal”
  • Miglior film d’animazione: “Soul” di Pete Docter e Kemp Powers
  • Miglior documentario: “Il mio amico in fondo al mare” di James Reed e Pippa Ehrlich
  • Migliori effetti speciali: Andrew Jackson, David Lee, Andrew Lockley, Scott Fisher per “Tenet”
  • Miglior scenografia: Donald Graham Burt e Jan Pascale per “Mank”
  • Miglior fotografia: Erik Messerschmidt per “Mank”
  • Miglior montaggio: Mikkel E. G. Nielsen per “Sound of metal”
  • Miglior colonna sonora: Trent Reznor e Atticus Ross con Jon Batiste per “Soul”
  • Miglior canzone: “Fight for you” per “Judas and the Black Messiah”
  • Miglior cortometraggio: “Two distant strangers”
  • Miglior corto documentario: “Colette”
  • Miglior corto d’animazione: “Se succede qualcosa, vi voglio bene”