fbpx

Nome ‘bannato’ e sigla in minuscolo: così la Spagna censura il Kosovo in diretta mondiale, la partita diventa un caso politico

La Spagna censura il kosovo durante le qualificazioni ai Mondiali 2022: il nome non viene mai pronunciato dai telecronisti e la sigla risulta in minuscolo

La gara fra Spagna e Kosovo, valevole per le qualificazioni ai Mondiali 2022 che si svolgeranno in Qatar, è diventata un vero e proprio caso politico. No, non per il risultato: la Spagna ha vinto la sua gara in maniera agevole, come da pronostico, rifilando alla modesta nazionale balcanica un netto 3-1 a firma di Dani Olmo, Ferran Torres e Gerard Moreno (di Halimi la rete ospite). Quel che ha fatto scalpore è stato il trattamento verso una spinosa questione politica che ha creato non pochi problemi in alcuni Paesi dell’Unione Europea. La Spagna non riconosce il Kosovo come stato indipendente e dunque ha deciso di censurare tale aspetto durante la diretta tv della partita: la squadra non è mai stata chiamata ‘Kosovo‘ come stato (come Italia, Germania o Francia per intenderci), ma ‘Federazione Calcistica del Kosovo‘. Inoltre il nome della squadra è stato scritto in piccolo nel tabellino presente in alto a sinistra dello schermo, non in lettera maiuscola come si è solito scrivere i nomi degli stati.