fbpx

MotoGp, sarà anche Pasqua ma trionfa ‘El Diablo’: Quartararo comanda a Doha, male Valentino Rossi

Foto di Eddy Lemaistre / EPA

Fabio Quartararo vince la gara di MotoGp a Doha: ‘El Diablo’ davanti a Zarco e Martin. Male Valentino Rossi che chiude solo 16°

Domenica di Pasqua che regala una grande gara di MotoGp in diretta da Doha, Qatar, per riprendersi dall’abbiocco pomeridiano del pranzo pasquale. Grande incertezza nel Motomondiale orfano di Marc Marquez (infortunato) e Andrea Dovizioso (senza sella), i due dominatori degli ultimi anni. Tutti sognano il titolo, nessuna moto sembra emergere di gran lunga rispetto alle altre, lo stesso vale per i valori dei piloti. In pole position scatta un rookie, Jorge Martin che precede il compagno della Pramac Johan Zarco. Subito dietro Maverick Vinales, vincitore a Losail e dunque in testa alla classifica del Mondiale. Pecco Bagnaia e Jack Miller decisi a sfruttare a pieno la potenza delle Ducati, mentre Valentino Rossi è chiamato a fare il possibile per migliorare la 21ª posizione di partenza, la peggiore nella sua carriera.

Gara che inizia sulla falsariga di quella di Losail, cambiano solo i protagonista: al posto della Ducati ufficiale, davanti c’è la Pramac con Martin che parte forte e difende la prima posizione, Zarco gli si piazza subito alle calcagna. Parte nuovamente male Vinales che questa volta però non riesce a rimontare. Miller e Mir (campione in carica) se le danno di santa ragione a suon di spallate nelle retrovie (nessuna sanzione), mentre piano piano risale il grande protagonista di giornata, Fabio Quartararo. Il giovane pilota francese, promosso in Yamaha al posto di Valentino Rossi, scala posizione dopo posizione e a 4 giri dalla fine sverniacia prima Zarco e dopo Martin prendendosi la prima posizione. ‘El Diablo’ gestisce il finale di gara e trionfa, firmando il secondo successo Yamaha in due gare. Alle sue spalle la coppia della Pramac a parti invertite rispetto alle qualifiche: secondo Zarco, terzo Martin. Quarto posto per Rins che precede Vinales, sesto il primo degli italiani, Pecco Bagnaia. Solo sedicesimo Valentino Rossi che, condizionato da una posizione in griglia davvero complicata, fa quel che può per migliorare la sua posizione conclusiva.