fbpx

Messina, materiale da cantiere abbandonato sul Lungomare di Rodia. Biancuzzo: “si ripristini igiene e decoro”

/

La richiesta di intervento alle autorità di Messina per “scongiurare le conseguenze del danno ambientale causato dalla inciviltà, dal malcostume e dal mancato senso civico di qualche cittadino”

Il Consigliere della VI Circoscrizione del Comune di Messina, Mario Biancuzzo, ha inviato una richiesta eliminazione materiale da cantiere abbandonato sul Lungomare di Rodia all’Assessore Politiche Ambientali, l’Avvocato Dafne Musolino. Di seguito la nota: “si fa seguito alla rivelazione nel territorio lungo mare di Rodia laddove si è documentato una importante presenza di materiale di risulta abbandonato, nella ridente località balneare, da qualche lordazzo che senza scrupoli ha scaricato, sicuramente, con ribaltabile oltre due camion di materiale da cantiere inquinando l’ambiente. Pertanto sollecito le Autorità in indirizzo ad intervenire con gli uomini e i mezzi del caso per ripristinare igiene, decoro e bonifica all’arenile della zona e per scongiurare le conseguenze del danno ambientale causato dalla inciviltà, dal malcostume e dal mancato senso civico di qualche padroncino che, sicuramente, dopo aver realizzato lavori in nero ha preferito abbandonare il materiale frantumato e tagliante sul lungo lungo mare di Rodia invece di pagare qualche euro e smaltirlo in base alle leggi vigenti. Purtroppo molti di questi Nzivati e Lurdazzi continuano a rimanere impuniti”.