fbpx

Messina, Alessandro Tinaglia ai microfoni di StrettoWeb: “il Ponte sullo Stretto è fondamentale per il rilancio del Sud. De Luca? Ha strumentalizzato la pandemia a fini elettorali” [INTERVISTA]

Messina, Alessandro Tinaglia ai microfoni di StrettoWeb: “Sì al Ponte sullo Stretto, No alla strumentalizzazione della pandemia da parte di De Luca. Alle prossime elezioni comunali puntare ad una coalizione ampia ed alternativa all’attuale maggioranza”

E’ esponente di Sicilia Futura ed è stato consulente della commissione Consiliare “Ponte sullo Stretto e Piano Strategico nonchè coordinatore del comitato scientifico Scientifico “Recovery fund, il Meridione in Europa”, Alessandro Tinaglia è un architetto affermato, già candidato sindaco di Messina e Assessore all’Urbanistica del Comune di Torregrotta. Tinaglia ai nostri microfoni ci illustra la propria posizione sul Ponte sullo Stretto, Amministrazione De Luca, Governo Musumeci e future elezioni comunali.

Da alcune settimane è ricominciata la discussione sul Ponte sullo Stretto, Lei cosa pensa?

“Io credo che il Ponte sullo Stretto è fondamentale per il rilancio dell’intero Sud Italia. Sono stato consulente della commissione Consiliare “Ponte sullo Stretto e Piano Strategico e coordinatore del comitato scientifico Scientifico “Recovery fund, il Meridione in Europa” in cui abbiamo sottolineato l’importanza dell’attraversamento stabile tra Scilla e Cariddi nonchè delle opere connesse al Ponte che, se realizzato, il nostro territorio diventerà la porta del Mediterraneo. De Luca sul Ponte? Lui dapprima era disinteressato successivamente ha cambiato idea per fini opportunistici”.

Come giudica la gestione della pandemia da parte del sindaco De Luca?

“Il sindaco De Luca non ha fatto altro che strumentalizzare a fini propagandistici ed elettoralistici l’emergenza Covid-19 promettendo ristori per le attività in difficoltà che, se arrivano, sono assolutamente di pochi euro”.

Come sta governando il presidente Musumeci?

“Di certo con il presidente Musumeci si sono aperti dei spiragli importanti: da un punto di vista delle infrastrutture c’è stata un’accelerata evidente anche grazie al monito dei deputati regionali di Sicilia Futura e tra l’altro ha dimostrato un’attenzione particolare per la città di Messina”.

Per le prossime elezioni comunali di Messina a che schieramento pensa?

“Penso ovviamente ad un’aggregazione politica alternativa all’amministrazione De Luca. In questi anni Messina è stata ferma, senza un’idea chiara di sviluppo e quindi serve una coalizione amplissima con tutti coloro che amano realmente la nostra città”.

Uno dei temi più dibattuti in Italia è l’organizzazione della campagna vaccinale, a Messina come sta andando?

“Sicuramente i numeri a Messina non sono negativi ma è chiaro che bisogna fare di più e meglio. Sarebbe necessario organizzare più hub possibili per velocizzare la campagna vaccinale oltre che prestare maggiore attenzione ai soggetti più fragili della nostra società.”