fbpx

Coronavirus, sempre più italiani soffrono di depressione: 1 su 3 riguarda giovani tra 18 e 25 anni

depressione

La pandemia del Coronavirus ha cambiato le abitudini del popolo italiano: meno persone fanno sport e mangiano sano, di più invece hanno difficoltà a prendere sonno

A causa delle restrizioni anti-Covid, il 16,5% della popolazione italiana afferma di avere sintomi di depressione. Il dato diventa eclatante riguarda più giovani: nella fascia tra i 18 e i 25 anni si sale al 34,7%, più del doppio. Un numero confermato da un’altra rilevazione tra la quota di persone che avverte disagi psicologici: il 27,1% nella media della popolazione, che arriva al 40,2% fra i giovani. Queste alcune delle conseguenze del pandemia sulla salute e le abitudini degli italiani emerse dalla ricerca presentata dalla Fondazione Italiana in Salute e realizzata da Sociometrica. Lo studio fa sapere, inoltre, che quasi il 60% dei genitori ritiene rilevante l’impatto psicologico della pandemia sui minori. Il 30% circa pensa che non sia troppo rilevante e con conseguenze durature, mentre quanti non vedono problemi sono sotto la soglia del 10%. Più in generale, quasi la metà della popolazione (49,1%) afferma di aver accresciuto il proprio nervosismo in questo periodo: il 43,9% fa meno attività fisica o ha smesso del tutto di farla; il 28,8% sostiene di dormire di meno o avere difficoltà a prendere sonno; il 25,7% afferma che mangia di più o ha smesso di seguire regole alimentari.

Un elemento particolarmente preoccupante, quest’ultimo, soprattutto alla luce del fatto che di solito non si ha piacere ad esternare questa condizione e, spesso, chi ne soffre non ne ha la massima consapevolezza. Se guardiamo questi fenomeni dal punto di vista del genere – si legge nel comunicato – scopriamo che a essere più colpite sono le donne. In quasi tutti i comportamenti analizzati, l’impatto sulle donne è molto più pesante rispetto a quello sugli uomini. Ad esempio, avverte più di stress il 55,9% delle donne contro il 39% degli uomini. L’unico comportamento che ha un maggiore impatto sugli uomini è la rinuncia allo sport e alle attività fisiche”. Dall’indagine emerge però anche qualche elemento positivo. “Sul cibo c’è un doppio riscontro: da una parte chi si sente a disagio perché non riesce a controllare la sua alimentazione e una parte equivalente che, invece, ci mette più attenzione. Quanto al consumo di alcolici, è addirittura leggermente maggiore il numero di persone che l’ha ridotto rispetto a quelle che l’hanno incrementato. In generale – conclude la nota – potremmo dire che la pandemia non ha attecchito su alcune dipendenze come appunto l’alcol e il fumo”.