fbpx

Alessia Truzzolillo, il racconto shock: “aggredita e minacciata da un Carabiniere in Tribunale”, interviene l’ordine dei giornalisti

Alessia Truzzolillo

L’ordine dei giornalisti interviene sull’episodio di stamattina nell’aula bunker del processo Rinascita-Scott a Lamezia Terme: la giornalista Alessia Truzzolillo ha raccontato un episodio increscioso

Un episodio su cui è necessario che si faccia piena luce anche per evitare che il comportamento di un singolo offuschi l’immagine dell’Arma dei carabinieri e dei tanti rappresentanti delle forze dell’ordine che quotidianamente sono in trincea per combattere la criminalità comune e mafiosa“. E’ quanto sostiene il presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Giuseppe Soluri, in riferimento a quanto avvenuto stamattina nell’aula bunker del processo Rinascita-Scott a Lamezia Terme. Protagonista, suo malgrado, dell’episodio la giornalista Alessia Truzzolillo che segue quotidianamente l’importante processo.

Alessia Truzzolillo ha raccontato di essere stata di fatto spinta verso una sorta di corridoio laterale dell’aula bunker da un carabiniere poi individuato come caposcorta. “Sono improvvisamente stata avvicinata per una foto scattata al pm che interrogava il collaboratore Andrea Mantella“-ha detto Alessia Truzzolillo. “Attenta a non riprendere i monitor con i detenuti – ha aggiunto la giornalista – ho zoomato sul magistrato quando ho notato un uomo, dall’altra parte dell’aula che si agitava e mi faceva segno di andare li’. Ci siamo incontrati a meta’ corridoio e l’uomo mi ha subito investito con un ‘ora tu cancelli quelle riprese’. Poi, minacciando di cacciarmi dall’aula, mi ha spinto verso il corridoio con un gesto a meta’ tra la spinta e l’afferrarmi da sotto l’ascella. Mi sono divincolata e ho chiesto di non essere toccata. Nonostante mi avesse messo le mani addosso l’uomo mi ha intimato di non agitare le mani che io muovevo nell’aria, spaventata da quei modi, per fargli capire che c’e’ un’ordinanza del Tribunale di Vibo Valentia che autorizza la stampa a fare video e foto. Ho recuperato l’ordinanza che avevo salvata nella mail per fargliela leggere ma mi ha fatto capire che non gli interessava niente e che voleva vedere le foto, asserendo che non avevo l’autorizzazione a riprendere la scorta e, dopo avere preso il mio cellulare – ha raccontato Truzzolilloha preso a sfogliare il mio album personale per accertarsi che non vi fossero altre foto. Nel corridoio con me sono entrati anche i carabinieri addetti alla sicurezza, ma – ha precisato Alessia Truzzolillocon tutt’altro atteggiamento. Sono stata trattenuta in quel corridoio per oltre mezz’ora, tanto che la cosa, notata da diversi avvocati che avevano assistito alla scena ha spinto qualche legale a venire a vedere cosa stesse succedendo. Ero agitata, stretta contro un muro, frustrata per non poter esercitare un mio diritto sacrosanto di cronaca e per dovermi confrontare con un militare che con modi aggressivi sapeva solo minacciarmi di buttarmi fuori con frasi del tipo ‘adesso vediamo se le foto vanno bene e se tu resti ancora qui‘”.

Alcuni avvocati – ha aggiunto Alessia Truzzolillohanno anche minacciato di fare sospendere l’udienza e mi hanno chiesto se avessi bisogno di assistenza. Dopo un tempo infinito – ha aggiunto la giornalista – sono riuscita a tornare in fondo all’aula bunker, dove si trovavano anche gli altri miei colleghi che ogni giorno da mesi seguono il processo. Mi hanno seguito anche i carabinieri della sicurezza, poco dopo e’ arrivata anche la dottoressa Gaetana Ventriglia, dirigente del commissariato di Lamezia Terme. I miei colleghi hanno smesso di seguire l’udienza, costretti a dover spiegare quelli che sono i nostri diritti, alcuni faticosamente conquistati. Ho ricevuto la solidarieta’ di tutti, del dirigente Ventriglia, dei carabinieri presenti, degli altri uomini della scorta, del colonnello Menta, Comandante Rsm di Reggio Calabria. Anche il pm Antonio De Bernardo, saputo quanto era accaduto, e’ arrivato nell’area giornalisti per capire cosa fosse successo. ‘Mi dispiace di quanto accaduto’, ha ripetuto piu’ volte, pur non avendo nessuna responsabilita’ del comportamento del carabiniere. L’unico che non si e’ scusato, che non ha mai smesso i comportamenti aggressivi e accusatori e’ stato il caposcorta. La questione non e’ passata sotto silenzio. Al termine della pausa pranzo quanto accaduto e’ stato portato all’attenzione del Tribunale da vari avvocati presenti. E il Tribunale ha ribadito che sono ammesse le foto e le riprese, nonostante limitazioni alla divulgazione dell’audio. Sono ancora agitata da quella spinta gratuita, dalla frase ‘ora vediamo se resti ancora qui’, da quell’angolo di muro nel quale sono rimasta confinata, dal ‘cancella subito quelle riprese’ (che poi erano foto ma non cambia molto), dall’aggressivita’ gratuita” -ha concluso Alessia Truzzolillo.

Un episodio davvero poco edificante – chiosa il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria- che mortifica certamente il lavoro e la dignita’ dei giornalisti che quotidianamente informano su quello che e’ stato da piu’ parti definito come un processo storico. Un episodio che abbisogna di un opportuno e necessario intervento da parte sia dell’Arma che del Tribunale di Vibo Valentia“.