fbpx

Acquisto prima casa, mutuo del 100% dell’importo con garanzia dello Stato per gli under 35. Draghi: “è investimento sul futuro dell’Italia”

Draghi conferenza stampa Foto di Filippo Attili / Ansa

Recovery, Draghi: “risorse ai giovani? Piano d’investimento per il futuro”

Le critiche arrivate circa le poche risorse ai giovani, le donne lavoratrici, il Sud e le infrastrutture digitali? “La mia premessa generale e’ che questo Piano prevede stanziamenti molto corposi, che permettono investimenti che sarebbero stati impensabili fino a poco fa“, dice il presidente del Consiglio Mario Draghi nella sua replica sul Pnrr nell’Aula della Camera. “L’intero piano – afferma – e’ un investimento sul futuro e sulle giovani generazioni Come ho gia’ detto ieri, dobbiamo garantire ai nostri giovani welfare, sicurezza abitativa e un mercato del lavoro adeguato. Ieri in quest’Aula, ho parlato delle misure del Piano per le famiglie giovani, quelle per le infrastrutture sociali e le case popolari, e gli incentivi fiscali per i mutui”. “Inoltre, il piano interviene per garantire in maniera equa e adeguata il diritto allo studio, e stanzia quasi un miliardo per gli alloggi studenteschi, 500 milioni per le borse di studio per accedere all’universita’. Prevede poi l’ampliamento dei dottorati, attraverso un finanziamento cumulativo di circa un miliardo”, ribadisce il premier. “Ribadisco inoltre l’introduzione di una previsione per condizionare l’esecuzione dei progetti finanziati non solo dal PNRR, ma anche da React-Eu e dal Piano complementare, alla nuova occupazione giovanile e femminile”, assicura Draghi.

Intergruppo Next generation Italia: “bene Pnrr contro emergenza giovani”

Salutiamo con favore il nuovo Piano di Ripresa e Resilienza presentato ieri alla Camera dal Presidente del Consiglio Mario Draghi. Un piano che mette al centro le nuove e future generazioni e che riprende 15 delle 23 delle proposte avanzate dal documento congiunto inviato al governo nel mese di Marzo dall’Intergruppo Parlamentare Next Generation Italia per l’equità intergenerazionale e le politiche giovanili di cui fanno parte oltre 60 parlamentari di Camera e Senato“. Lo dichiarano i membri dell’Intergruppo Parlamentare Next Generation Italia per l’equità intergenerazionale e le politiche giovanili. “Tra le misure delineate dal PNRR rileviamo interventi per rafforzare il sistema duale e rendere i sistemi di istruzione e formazione più in linea con il mercato del lavoro, a partire dall’istruzione tecnica superiore (ITS), mutui agevolati per facilitare l’acquisto della prima casa per gli under 35, un piano straordinario di investimenti per le strutture sportive, il potenziamento del Servizio Civile Universale, la promozione delle competenze in ambito tecnico-scientifico, soprattutto per le studentesse, l’introduzione di lauree abilitanti per semplificare l’accesso alle professioni, la ridefinizione delle politiche attive del mercato del lavoro a partire dai centri per l’impiego, l’introduzione di moduli di orientamento nella scuola secondaria, l’aumento delle risorse per la ricerca, il diritto allo studio e l’istruzione per lottare contro l’abbandono scolastico, misure in sostegno della natalità a partire dalla piena attuazione dell’assegno unico universale per i figli a carico, la costruzione di nuovi asili nido e l’estensione del congedo di paternità. In luce delle risorse stanziate e degli interventi definiti ci sentiamo di concordare pienamente con il Presidente Mario Draghi: i giovani saranno i maggiori beneficiari del piano“, concludono.