fbpx

Dal 1° maggio riaprono gli stadi in zona gialla, previsti 1000 spettatori: ma il sottosegr. Costa frena

Reggina Monza stadio Granillo (2)

Stadi riaperti al pubblico dal 1° maggio: 1000 spettatori all’aperto, 500 al chiuso. Il sottosegretario Costa però frena gli entusiasmi

Dal 26 aprile l’Italia si avvia verso un graduale ritorno alla normalità. I dati relativi alla pandemia consentono un allentamento delle misure restrittive e conseguenti riaperture. In zona gialla si potrà tornare a mangiare al ristorante, seguire spettacoli culturali e praticare sport. Secondo una notizia pubblicata dall’Ansa, a partire dal 1° maggio i tifosi potranno addirittura tornare negli stadi, unicamente nelle zone gialle: 1000 spettatori previsti all’aperto, 500 al chiuso: “in zona gialla da sabato 1 maggio sarà consentito l’accesso del pubblico in impianti all’aperto fino a un massimo di 1.000 spettatori ed al chiuso fino ad un massimo di 500 per tutti gli eventi sportivi agonistici e riconosciuti di interesse nazionale da CONI e CIP”, spiega l’agenzia.

Riapertura stadi, la precisazione del sottosegretario Costa

Intervenuto a Sky, il sottosegretario al Ministero della Salute, Andrea Costa, ha però precisato: “devo correggere un attimo la notizia: dopo la posizione sugli Europei stiamo prendendo quella sulla Coppa Italia, si può valutare il 15% per la finale. Per le aperture del 1° maggio è una riflessione non ancora approfondita, non c’è una decisione netta in questa direzione“.