fbpx

Zona rossa in Calabria, la Regione sbaglia l’ordinanza e poi precisa: “l’asporto è consentito per tutti i locali della ristorazione, come da Dpcm”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Zona rossa in Calabria, rimane consentita l’attività dei servizi di ristorazione sia da asporto che a domicilio

In riferimento all’ordinanza n. 19 del 27 marzo 2021 (“Disposizioni conseguenti all’entrata in vigore dell’ordinanza del ministro della Salute del 26 marzo 2021”), la Regione Calabria precisa che «la predetta ordinanza richiama tutte le disposizioni del Titolo V del Dpcm del 2 marzo 2021 e, conseguentemente, anche l’art. 46, comma 2, il quale prevede espressamente che resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 22, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice Ateco 56.3 l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18».
Pertanto, «così come richiamato nell’ordinanza in oggetto, rimane consentita, con le limitazioni orarie della norma citata, l’attività dei servizi di ristorazione sia da asporto che a domicilio».