fbpx

Vaccino Coronavirus, la denuncia di Toti: “se arrivassero tutte le dosi previste l’Italia non sarebbe in grado di somministrarle”

Foto di Luca Zennaro / Ansa

Coronavirus, Giovanni Toti attacca sulla questione vaccini: se dovessero arrivare tutte le dosi previste, l’Italia non sarebbe in grado di somministrarle

Quest’oggi è prevista la conferenza fra le Regioni per discutere nuove modifiche sul piano vaccinale in Italia. Intanto arriva la denuncia del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti che ai microfoni di La7 ha fatto il punto sulla situazione vaccini. Toti ha sottolineato difficoltà logistiche, criticando la mancanza d’iniziativa del governo Draghi.

Se arrivassero tutti i vaccini che ci hanno promesso i contratti non saremmo in grado di somministrarli perché abbiamo sbagliato la programmazione. – ha dichiarato TotiL’Europa ha sbagliato moltissimo, ma quanto abbiamo sbagliato noi nel decretare tre diverse tipologie di uso di AstraZeneca che avevamo già in mano nelle ultime tre settimane? I piani vaccinali delle Regioni sono stati fatti e disfatti tre volte. Non abbiamo infermieri per fare i vaccini, non aver pensato di allargare le professioni sanitarie che possono mettere un ago nella spalla, è un altro errore. Dal Governo Draghi noi ci aspettavamo un cambiamento di rotta, se poi abbiamo i Dpcm come Conte, anticipati alla stampa quotidiana come succede da ieri per la Conferenza delle Regioni di oggi. Per quel che dirà Draghi domani abbiamo già praticamente fatto la riunione – ha aggiunto TotiSappiamo che chiuderemo a Pasqua, sappiamo delle zone rosse, francamente la discontinuità non la vedo: do il beneficio a Draghi che è arrivato da dieci giorni, ma per quanto sia capace, bravo e autorevole, dovrà prendere contezza del mondo che lo circonda“.